sabato, Ottobre 24
Shadow

Flop day della Regione siciliana: che sia l’ultima volta

Doveva essere il click day si è trasformato in un flop day. Protagonista assoluta oggi la Regione siciliana, in gran parte veramente annunciato, riporta d’attualità il tema dell’efficacia di questo strumento che non piace a nessuno: non piace alle imprese, non piace ai consulenti, non piace ai cittadini. Uno strumento che già in passato ha mostrato tutti i suoi limiti: la gara di velocità premia il più abile con una rete internet magari più stabile e punisce i progetti di qualità. Ma non è questo il punto oggi.

In questo caso, trattandosi di misure a sostegno delle imprese, forse era persino inutile fare ricorso a una piattaforma che si è dimostrata debole pur essendo gestita, come si legge in un comunicato della Regione siciliana, da Tim. Cosa è successo? Vedremo, semmai riusciranno a darci una spiegazione plausibile. E’ accettabile che ciò accada? No, non lo è. Così come non è accettabile che ciò accada in tanti altri settori. Il presidente della Regione Nello Musumeci ha più volte “confessato” l’arretratezza delle piattaforme informatiche della Regione siciliana, l’inadeguatezza dei sistemi. E questo nonostante siano stati spesi nel corso degli anni decine e decine di milioni. Qualcosa non va, sembra evidente. Così come è evidente che è arrivato il momento di individuare le responsabilità e di agire per evitare che fatti del genere si ripetano. Non basta fare comunicati se ai comunicati non seguono azioni concrete per evitare che il sistema appaia (e sia) inaffidabile.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.