Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Napoli, al via la Borsa internazionale dell’innovazione e dell’alta tecnologia



Dopo il successo degli ultimi 3 anni, l’ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, in collaborazione con la Regione Campania, presenta l’edizione 2018 della Borsa dell’Innovazione e dell’Alta Tecnologia che si tiene oggi e domani a Napoli presso il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa.

La BIAT rientra tra le iniziative del secondo Piano Export Sud (PES II), un programma di azioni per la promozione dell’internazionalizzazione e dell’innovazione delle imprese a valere sui fondi europei del PON Imprese e Competitività 2014 – 2020, di cui l’ICE-Agenzia e ente attuatore su incarico del Ministero dello Sviluppo Economico. Rappresenta un modello di iniziativa il cui obiettivo è proprio quello di valorizzare il potenziale tecnologico e innovativo esistente nelle Regioni del Mezzogiorno – spesso non evidenziato come eccellenza rispetto alle produzioni più tradizionali – e di trasformarlo in prodotti da collocare sui mercati esteri.

Sono 148 i progetti innovativi delle 118 imprese italiane provenienti dalle Regioni del Mezzogiorno (Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Molise, Sardegna, Abruzzo e Basilicata) e appartenenti ai aerospazio, biotecnologie, energie rinnovabili, ambiente, nuovi materiali, ICT e tecnologie per le smart communities, che verranno presentati, in questi due giorni, ai 97 operatori esteri (grandi imprese, centri di ricerca interessati al trasferimento tecnologico, venture capitalist, business angel) selezionati dalla rete di uffici all’estero dell’Agenzia ICE, per un totale di oltre 1350 incontri B2B.

[themoneytizer id=”16688-28″]

 

La mattina odierna si è aperta con la sessione plenaria alla quale sono intervenuti l’Assessore all’Internazionalizzazione, Start up e Innovazione della Regione Campania, Valeria Fascione, il Direttore Generale per gli Incentivi alle Imprese del Ministero dello Sviluppo Economico Carlo Sappino e il Direttore Generale dell’Agenzia ICE Piergiorgio Borgogelli.

Ha fatto seguito una sezione più strettamente tecnica dedicata al tema dell’innovazione attraverso lo sviluppo sostenibile e la sfida del Mezzogiorno, a cui hanno partecipato il Professore Fabrizio Ascione, del Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università Federico II, Lucia Altucci, Professoressa Delegata alla Ricerca e Innovazione dell’Università Luigi Vanvitelli e Paolo Netti, Professore di Bioingegneria dell’Istituto Italiano per la tecnologia Università Federico II. I lavori proseguiranno nel pomeriggio e nella giornata di domani con gli incontri B2B.

I Paesi di provenienza dei 98 operatori esteri presenti a Napoli per BIAT 2018 sono Canada, Cina, Finlandia Francia, Germania, India, Israele, Giappone, Corea, Polonia, Russia, Singapore, Svezia, Turchia, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito e USA.

Il 18 aprile sono state realizzate visite delle delegazioni provenienti da Corea, Polonia, Francia e Russia presso la Apple Developer Academy a Napoli e lo nearly Zero Energy Building (nZEB) a Benevento.

La Apple Developer Academy è la prima al mondo per il sistema operativo iOS, una struttura che attira e coinvolge sviluppatori e web designer da tutto il mondo; lo nZEB, inaugurato poche settimane fa, è stato già riconosciuto come uno dei migliori esempi di incontro tra efficienza energetica e domotica.

Attraverso le diverse edizioni della BIAT si è voluto e si vuole costruire un’offerta sistematica di opportunità di applicazione industriale di cui possono approfittare imprenditori, sia italiani che stranieri. Questo format consente la realizzazione del matchmaking tra offerta e domanda commerciale e tecnologica, tra inventori (startup, MPMI innovative, università, parchi tecnologici) e controparti straniere (grandi imprese, venture capitalist, ecc.).  Un approccio promozionale, quindi, che rende l’evento in linea con il Piano Industria 4.0 per la rilevanza che riveste il comparto dell’alta tecnologia per l’economia del Mezzogiorno e per quello nazionale.

La BIAT non solo rappresenta una delle iniziative di spicco del Piano Export Sud 2 ma incarna il forte investimento dell’Agenzia ICE nell’innovazione e nell’alta tecnologia per valorizzare e mostrare ad operatori ed investitori esteri i segmenti d’eccellenza della tecnologia avanzata nel nostro Mezzogiorno.

A supporto delle aziende italiane, saranno inoltre attivi i desk del MISE sul programma di finanziamento alle startup SMART&START ITALIA e sulla Proprietà Intellettuale (UIBM) e gli otto desk esteri sull’Attrazione Investimentim Innovazione e Proprietà Intellettuale dell’ICE-Agenzia.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]