Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Rifiuti, Bagheria: 500 chilometri per scaricare in discarica



“La Regione Siciliana non imponga criteri partitici nella gestione del conferimento dei rifiuti. Auspichiamo che alla scadenza dell’ordinanza, il presidente Crocetta faccia tornare Bagheria a conferire a Bellolampo anziché a Melilli”. A dichiararlo è il deputato regionale M5S Salvo Siragusa che, rivolgendosi al presidente della Regione Siciliana, chiede che allo scadere dell’ordinanza, Bagheria possa tornare a conferire i rifiuti indifferenziati alla discarica di Bellolampo anziché a quella siracusana di Melilli (SR) per motivi di carattere logistico ed economico.

discariche rifiuti


“Bagheria – spiega Siragusa – è l’unico comune del palermitano a dover conferire ad oltre 250 km che, tra andata e ritorno costringe uomini e mezzi a percorrere oltre 500 km, nonostante i significativi progressi di incremento di raccolta differenziata. La percentuale di differenziata è aumentata del 12% in soli due mesi passando dal 3% di giugno (data di partenza della sperimentazione) ad oltre il 15% della prima metà di settembre. Contestualmente – continua Siragusa dati alla mano – le tonnellate di rifiuti indifferenziati da conferire in discarica sono passate dalle 60 alle 40 tonnellate giornaliere con una flessione complessiva di 20 tonnellate al giorno. L’ordinanza del Presidente mette in ginocchio uno dei pochi comuni del palermitano che ha intrapreso un oggettivo percorso virtuoso costringendo quindi lo spostamento di uomini e mezzi con conseguente difficoltà nella raccolta ed aggravio di costi. Ci aspettiamo che ragionevolmente – conclude Siragusa – si dia la possibilità a Bagheria di conferire a Bellolampo”.


“È inconcepibile che un qualsiasi comune siciliano venga obbligato ad attraversare l’isola per conferire i rifiuti prodotti” – aggiunge l’assessore comunale di Bagheria Fabio Atanasio. “Nel caso di Bagheria, che ha raggiunto una percentuale di raccolta differenziata del 15% in due mesi e mezzo – spiega Atanasio – questo può soltanto interferire con l’ottimizzazione del servizio. Abbiamo sensibilmente ridotto la quantità di RSU conferita in discarica, ora chiediamo un’azione di responsabilità da parte dell’Amministrazione regionale che riconosca gli sforzi compiuti dalla collettività bagherese e non la penalizzi”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]