Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Agroalimentare, a Catania 1.600 imprese: export cresciuto del 17%



Innovazione, sostenibilità, ricerca della qualità legata alle tradizioni del territorio. Da questi assi portanti è possibile un rilancio del comparto agroalimentare etneo che nel post pandemia vive una fase di ripresa.  Circa 1600 imprese, oltre 6 mila addetti, l’industria alimentare nella provincia di Catania ha fatto registrare nell’ultimo trimestre un incremento dell’export pari al 17%. 

Per Cristina Busi, presidente di Sibeg Coca Cola,  rieletta al vertice della sezione Alimentari di Confindustria Catania, insieme al nuovo consiglio direttivo,  occorre rinsaldare la collaborazione tra imprese e puntare su tipicità e identità territoriale: “Vantiamo un gran numero di aziende agroalimentari d’eccellenza – spiega – e una ricca filiera che comprende il food e beverage, il comparto dolciario, i derivati dell’agricoltura.  Un patrimonio di produzioni che ottiene sempre maggiori consensi sia in Italia che all’estero perché si distingue per qualità, ricerca innovativa, investimenti in sostenibilità. E’ il momento di cogliere il nuovo trend del mercato, ma serve rafforzare la sinergia tra imprese. Mai come oggi la rete associativa può offrire un supporto strategico a chi vuole crescere e competere facendo leva su quelle caratteristiche uniche e irripetibili che possiede il nostro brand territoriale”.

Ma una ripresa a lungo termine va anche accompagnata da adeguate politiche di sostegno alle imprese: “La decontribuzione Sud, introdotta dalla Legge di Bilancio 2021 – aggiunge Santi Finocchiaro, presidente di Dolfin e vicepresidente vicario della Sezione – che prevede la riduzione del 30% dei contributi versati dalle aziende del Mezzogiorno per ciascun lavoratore, si è rivelata una misura di fiscalità compensativa importantissima per un comparto ad alta intensità di manodopera come il nostro. Per questo occorre che l’incentivo diventi uno strumento permanente delle politiche di coesione territoriale, oltre la finestra aperta dal Temporary Framework sulla deroga alla disciplina degli aiuti di Stato.  

Per Pietro Federico, Ad del gruppo Mangiatorella e vicepresidente della Sezione, serve aprire una stagione nuova che dia vita ad una rete sempre più ampia e coesa tra imprenditori, capace di raccogliere le sfide del cambiamento: “Il nostro comparto – afferma – può rappresentare un polo d’attrazione anche sui temi della transizione ecologica. Puntare sull’economia circolare nella filiera della plastica, ad esempio, come molti di noi stanno facendo, non è solo una scelta di convenienza economica ma di responsabilità sociale verso l’ambiente e la qualità di vita”. 


Alessandro Russo, amministratore delle Distillerie dell’Etna e Giuseppe Ignizio, direttore dello stabilimento Parmalat di Catania, entrambi nuovi componenti del consiglio direttivo della Sezione, sottolineano come le imprese alimentari etnee debbano giocare la carta dell’innovazione sfruttando le opportunità offerte da Industria 4.0 e puntare sul rafforzamento delle reti di impresa per imprimere una svolta alla competitività. “Anche così – spiegano –  sarà possibile dare slancio alle nostre produzioni e affermare il made in Sicily di qualità nel mondo”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]