Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Depurazione tra incapacità e disorganizzazione



C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano Vignaroli, ha presentato i risultati dell’inchiesta nei giorni scorsi. E, per l’Isola che paga 165 mila euro di penale al giorno per infrazione alle norme comunitarie, i numeri sono impietosi.

Otto comuni su dieci sono in procedura di infrazione perché non depurano l’acqua dei propri cittadini e delle aziende in maniera corretta e “le criticità che la Commissione ha rilevato vanno ben oltre le procedure di infrazione in atto”, ha detto il presidente parlando della Sicilia. L’Isola si trova a non avere completato il passaggio dei sistemi idrici integrati ai gestori unici in compagnia di altre regioni (Campania, Molise e Calabria) “con elementi di criticità con intensità più o meno accentuata”. L’inchiesta è stata promossa da Caterina Licatini (Impegno Civico). “Le difformità della grande maggioranza dei depuratori siciliani sono alla base di un diffuso problema di approvvigionamento idrico, di igiene, di spreco di denaro pubblico (che la relazione definisce riprovevole) e di impatto ambientale”, spiega, “anche perché parliamo di numeri esorbitanti: in Sicilia abbiamo 457 impianti censiti, di cui il 16% non funzionante e almeno il 43% non a norma. Questo significa che il 39% dei siciliani non può contare su un depuratore. Senza considerare che il costo medio del servizio idrico in Sicilia si attesta intorno ai 500 euro per utenza, a fronte di una media nazionale di 370 euro”.

Tra inchieste della procura e istruttorie per danno erariale a danno di alcuni comuni “la Sicilia rappresenta la regione più problematica”, ha detto Vignaroli. “E’ incredibile come un Paese meraviglioso come il nostro e per lo piu’ circondato dal mare e che punta al turismo scarichi i propri reflui nelle acque in maniera poco virtuosa. Solo per citare la Sicilia otto comuni su dieci sono in procedura di infrazione perche’ non depurano l’acqua dei propri cittadini e delle aziende in maniera corretta e le criticita’ che la Commissione ha rilevato vanno ben oltre le procedure di infrazione in atto. Spero che questo dettagliato lavoro sia uno strumento utile per chi e’ chiamato a risolvere questo problema”, ha aggiunto.

In Sicilia gli interventi da realizzare sono affidati ad una struttura commissariale che ha in cantiere 67 opere di cui 11 già concluse. Tra gli ultimi interventi approvati c’è stato quello della costruzione del depuratore di Tono a Messina (appalto da oltre 50 mln) e l’adeguamento e il potenziamento dell’impianto di depurazione di Acqua dei Corsari di Palermo con un costo totale dell’intervento è pari a oltre 26,5 milioni di euro, finanziati con delibera del Cipe.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]