Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Arance in Cina: domani pronti i primi due container



Il conto alla rovescia per l’export di arance rosse in Cina è finito. Oranfrizer parte con la prima esportazione, rappresenterà il primo test logistico e di mercato.  Domani 31 gennaio due container da quaranta piedi ciascuno saranno caricati nell’impianto dell’azienda sito a Scordia, in provincia di Catania. La destinazione è Shanghai. Per questa prima partenza si viaggerà via nave, i container salperanno dal porto di Catania il 5 febbraio, giorno di Sant’Agata amatissima santa patrona della città etnea. L’arrivo dei due container a Shanghai è previsto per il 18 marzo.

Il team di Oranfrizer (in foto) ha lavorato con attenzione per mesi a questa operazione che finalmente si realizza. Le arance selezionate dall’azienda siciliana per la prima esportazione sono le arance rosse Moro (in foto), le più pigmentate, le più ricche di antocianine, quelle che si presentano rosse sia sulla buccia che nella polpa, e le arance rosse Tarocco, le più ricche di Vitamina C.

“Oranfrizer è orientata da sempre all’internazionalizzazione dell’arancia rossa coltivata in Sicilia – afferma il Ceo Nello Alba – è giunto il momento di prendere il largo e raggiungere anche la Cina. Quando si superano certi confini con le nostre arance rosse siamo consapevoli di rappresentare la Sicilia, il made in Italy ed uno dei tesori agroalimentari più importanti d’Europa. Stiamo esportando un’eccellente selezione di Moro e Tarocco Ippolito, in un momento in cui il gusto e la pigmentazione sono al massimo della loro espressione. L’intento è far sì che il prodotto venga percepito da subito in tutta la sua naturale alta qualità. Ovviamente la partenza di domani per noi rappresenta un primo test, ma ci auguriamo che questi due container possano diventare presto 20 ed in futuro 200”.

L’azienda esprime un vivo ringraziamento a tutte le istituzioni politiche e governative, nazionali e regionali, che dal 2015 a pochi giorni fa hanno contribuito alla firma dell’accordo Italia-Cina, a cominciare dal MIPAAFT, il Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, e continuando con i servizi fitosanitari centrali e della Regione Sicilia, l’ambasciata italiana in Cina, il CSO Centro Servizi Ortofrutticoli, le organizzazioni di settore tra le quali il Distretto Agrumi, che hanno collaborato all’apertura di questa nuova rotta. Un grazie molto speciale anche al vice premier Luigi Di Maio e al ministro Gian Marco Centinaio, per il sostegno diretto manifestato all’attivazione del protocollo di esportazione via nave e via aerea.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]