Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Assegno unico figli 2022, busta paga: ecco chi ci perde



Assegno unico figli 2022, cosa cambia in busta paga? Qualcuno ci perderà? Da marzo, guardare il cedolino farà venire un colpo ai lavoratori dipendenti, quando si accorgeranno che c’è la busta paga tagliata si legge su laleggepertutti.it. Non perché il datore di lavoro gli abbia abbassato lo stipendio: sarà l’effetto dell’entrata in vigore dell’assegno unico universale per i figli. In pratica, il datore di lavoro non inserirà più nel cedolino la detrazione fiscale per i figli e l’attuale assegno familiare. Il che significa che il netto in busta paga sarà più basso del solito.

E la parte mancante? L’importo destinato a sparire dalla busta paga dovrà essere versato dall’Inps direttamente sul conto corrente a titolo, appunto, di assegno unico per i figli. All’inizio dovrebbe compensare la parte che il datore di lavoro non riconoscerà più, ma non per tutti: solo chi ha un Isee fino a 25mila euro, facendo due conti, si renderà conto che non gli è cambiato alcunché, se non il fatto di ricevere la stessa somma da due soggetti diversi (azienda e Inps). Il problema si pone per chi ha un indicatore economico superiore a quella cifra. E tra qualche anno, non solo per loro. Ecco il perché.

L’introduzione dell’assegno unico a marzo 2022 comporta la cosiddetta ‘clausola di invarianza’ che, in pratica, garantisce al lavoratore di non perderci dei soldi rispetto a prima. Questa clausola, però, interviene solo sui nuclei con Isee fino a 25mila euro e solo per il primo anno, cioè fino a marzo 2023. Nel 2023 sarà valida per 2/3 dell’anno e nel 2024 per 1/3. Trascorso questo periodo, con il contributo a regime nel 2025, per sapere se ci si guadagna, ci si perde o resta tutto uguale con l’assegno unico per i figli occorrerà fare riferimento ad un solo parametro: l’Isee. Più sarà basso l’indicatore e più sarà alto l’assegno. E viceversa.

Per effetto della clausola di invarianza, dunque, chi ha un Isee più alto di 25mila euro potrebbe già vedere qualche differenza (in negativo) nella busta paga di marzo 2022. Va ricordato, infatti, che l’assegno pieno sarà di 175 euro al mese, fino a 260 euro a partire dal terzo figlio e di altri 100 euro complessivi se i figli sono quattro o più. Quando si parla di «assegno pieno» si intende quello destinato alle famiglie con un Isee fino a 15mila euro (circa la metà delle famiglie italiane): da questa soglia in poi, infatti, l’importo del contributo inizia a scendere gradualmente fino ad arrivare alla soglia Isee di 40mila euro. A quel punto, chi ha un indicatore economico pari o superiore a quella cifra, prenderà un assegno di 50 euro al mese o di 65 dal terzo figlio.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]