Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Banca popolare di Ragusa, in assemblea arriva la protesta in gilet giallo



Il 25 percento dei soci della Banca Agricola popolare di Ragusa ha detto no al bilancio portato in assemblea dal Consiglio d’amministrazione. È un dato storico, è la prima volta che una assemblea dei soci si chiude con il dissenso così ampio da parte di alcuni soci. Che questa possibilità potesse verificarsi era nell’area dato che ormai da tempo un Comitato porta avanti la battaglia contro la classe dirigente dell’istituto di credito Ragusano rivendicando il diritto a poter rivendere le azioni alla banca stessa. Quanto la situazione fosse tesa lo si è capito dal cordone di forze dell’ordine che ha presidiato il Teatro Tenda di Ragusa che ha ospitato l’assemblea dei soci. Alla fine non si sono registrate azioni eclatanti, c’era un po’ di agitazione, ma è prevalso il buon senso. Tra le relazioni che hanno riscosso maggiore successo, quella del neurologo Francesco Iemolo che ha proposto al CDA di far diventare soci tutti gli azionisti della banca dando la possibilità così a tutti di essere maggiormente coinvolti nelle decisioni. Al termine dell’assemblea, presieduta dal presidente Arturo Schininà e il direttore generale Saverio Continella, in circa 500 hanno votato contro il bilancio presentato dal Consiglio d’amministrazione. Tanti adesso si aspettano che questo manifestato dissenso possa cambiare alcune dinamiche nel rapporto tra azionisti a banca agricola.

 
L’intervento di Salvatore Rando con il gilet giallo
Per Salvatore Rando, guida del comitato spontaneo dei risparmiatori e primo gilet giallo d’Italia – è stata “un’assemblea storica. Oltre 500 persone e tanti altri astenuti, hanno marcato la distanza con i vertici della Banca, che si fa forte del voto delle centinaia di dipendenti. É un fatto storico da quando è nato l’istituto, 130 anni fa, una misura elevata del dissenso che non può essere sottovalutato dalla dirigenza e che sottolinea anche la disperazione di tante famiglie del territorio”.
Inascoltati gli emendamenti proposti dai gilet gialli in assemblea: di ampliare il plafond messo a disposizione dalla banca per il riacquisto azioni proprie e di limitare “gli ampi poteri del cda”, introducendo l’obbligo di riferire a una rappresentanza degli azionisti nominati dagli azionisti stessi. Segno di aperture solo formali dei vertici della banca e volte a perdere ancora del tempo sulle spalle delle famiglie.
Nicoletta Santamaria, coordinatrice e portavoce del comitato, protagonista di numerosi tavoli anche al Mef, tavoli che ancora non hanno mosso alcuna soluzione concreta e soddisfacente per i risparmiatori, ha sottolineato il risultato ottenuto: “Non ci aspettavamo certo di essere la maggioranza, ma essere in più di 500 ha significato rappresentare il 25% di un’assemblea prima impenetrabile. Abbiamo dimostrato di non essere quattro scalmanati, e adesso la banca sa bene che, se non ci darà risposte sufficienti, alla prossima assemblea saremo migliaia, non più centinaia”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]