Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Beni confiscati, commercialisti: siamo a disposizione degli enti pubblici



Istituire un tavolo di concertazione per aiutare gli Enti Pubblici nella redazione dei progetti finalizzati al recupero dei beni confiscati alla mafia.

Maurizio Attinelli commercialisti

I commercialisti siciliani sono pronti a scendere il campo al fine di contribuire a partecipare ai Bandi dell’Agenzia per la Coesione. A confermarlo è il presidente della Conferenza regionale degli Ordini dei Commercialisti e degli Esperti contabili, Maurizio Attinelli, che interviene sui progetti finalizzati al recupero entro il prossimo 28 febbraio e che si tratta di un’opportunità da non perdere.

«Tutte le abitazioni confiscate alla criminalità organizzata- afferma Attinelli- sono solitamente in pessimo stato di manutenzione e i Comuni che notoriamente hanno pochi fondi non sono in grado di ristrutturare gli immobili. La Conferenza segnala che il Bando emanato assegna ben 250 milioni di euro alle regioni meridionali per diverse finalità, come la creazione di strutture, le residenze sociali/sanitarie, centri diurni, coabitazione sociale a sostegno dell’alloggio/inclusione sociale delle persone che vivono in condizioni di esclusione; riqualificazione di spazi pubblici volta a migliorare i servizi sociali per i cittadini; creazione di spazi di incontro socioculturale per i giovani gestiti da associazioni di volontariato; utilizzo di beni per fini istituzionali. Tantissime associazioni culturali potrebbero essere agevolate con l’utilizzo di beni confiscati. Si potrebbe così ridare alla cittadinanza i beni confiscati. Auspichiamo che gli Enti locali siciliani non si facciamo sfuggire questa opportunità».


 In questo momento di crisi, anche dovuta alla pandemia, gli Enti Locali potrebbero dare una risposta anche a tutti quei soggetti che hanno necessità abitative. Si pensi per esempio alle vendite all’asta; vi sono delle situazioni economiche sociali di grande disagio, per cui attraverso l’utilizzo di questi fondi si potrebbe dare una risposta positiva in un momento in cui aumenta la povertà. Il patrimonio di alloggi confiscati alla mafia possa contribuire in maniera importante a mitigare il disagio e ad incrementare l’offerta abitativa per l’emergenza. Questo è ancora più vero con la fine del blocco degli sfratti in cui sarà necessario assicurare il bene primario (la casa) a parecchie famiglie.


 La Conferenza degli Ordini dei Commercialisti siciliani, aderendo anche agli stimoli formulati da Libera, spera di  coinvolgere anche altri Ordini professionali. Rimettere in sesto questi immobili confiscati è una grande duplice occasione: da una parte i lavoratori edili che potranno partecipare ad una nobilissima operazione sociale senza aumentare le cubature di cemento, dall’altra si da una risposta di legalità.
 «Chiedo subito- asserisce il Vice presidente della Conferenza regionale Salvatore Sauna – di avviare un tavolo di concertazione per la fase di destinazione del bene che potrebbe essere finalizzato a usi davvero importanti, quali gli alloggi di assistenza ai senza tetto, edilizia residenziale pubblica, case famiglia anche per donne vittime di violenza».


 I Bandi dell’Agenzia per la Coesione possono essere richiesti esclusivamente dagli Enti Locali che hanno avuto assegnati i beni confiscati, per cui i 14 Ordini dei commercialisti siciliani sono disponibili a collaborare con i Comuni e mettono gratuitamente a disposizione le loro competenze tecniche affinchè queste somme possano essere spese metodicamente e velocemente.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]