Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Cantiere navale Palermo, lunedì vertice sul futuro dello stabilimento



Lunedì si farà il punto sul futuro del Cantiere Navale di Palermo. Fincantieri ha convocato per il 4 febbraio, all’interno dello stabilimento, una riunione alla quale saranno presenti l’Autorità portuale e i sindacati. Un confronto  molto atteso dalla Fiom Cgil, che con tante iniziative svolte e rivendicazioni presentate da tempo chiede risposte per dare un futuro allo stabilimento palermitano,  attraverso un piano industriale che lo rilanci con l’assegnazione di navi intere da costruire.

Un dato positivo è stato intanto registrato. La Fiom ha incontrato martedì scorso  il  presidente dell’Autorità di sistema portuale del mare della Sicilia occidentale, Pasqualino Monti, che ha informato il sindacato sullo stato di avanzamento degli investimenti previsti, di competenza della stessa autorità portuale, per il rilancio del cantiere palermitano.  “Nell’incontro – dichiarano Angela Biondi e Francesco Foti della Fiom di Palermo- il presidente ci ha spiegato che l’iter di sua competenza sta procedendo celermente. Questi temi li affronteremo il prossimo 4 febbraio all’incontro con Fincantieri”.

La Fiom, in previsione dell’incontro di lunedì,  torna ancora una volta a sollecitare l’intervento da parte delle istituzioni. Nell’iniziativa “Parla il cantiere” del 3 luglio scorso, di Fiom e Cgil,  al tavolo erano state invitati ministero, Comune,  Regione, Fincantieri e Autorità portuale  – per la Cgil nazionale era presente Maurizio Landini – e ognuno dei partecipanti aveva condiviso il percorso comune da intraprendere e assunto precisi impegni per la ripresa del cantiere navale. “Se da parte del presidente Monti in questi mesi sono stati fatti i passi necessari, rispettando gli impegni assunti a luglio – continuano Biondi e Foti –  siamo ancora in attesa che l’assessore Turano e il presidente Musumeci ci dicano cosa intendono fare sui due bacini galleggianti di proprietà della Regione, visto che ad oggi, dopo un incontro che si è tenuto i primi di ottobre,  siamo ancora in attesa di notizie. Lunedì ci attendiamo finalmente le risposte alle nostre rivendicazioni di questi anni,  per dare un futuro certo allo stabilimento di Palermo attraverso un piano industriale concreto fatto di investimenti, carichi di lavoro e occupazione per la città”.

All’iniziativa del  3 luglio scorso, erano presenti l’ad di Fincantieri,  Giuseppe Bono, Pasqualino  Monti,  Giovanna Marano in rappresentanza del Comune di Palermo, il sottosegretario al ministero delle Infrastrutture Edoardo Rixi e l’assessore alla Attività Produttive della Regione Siciliana Girolamo Turano. In quella occasione,  la Fiom ha ribadito la necessità che per lo stabilimento di Palermo si proceda in tempi brevi al finanziamento delle infrastrutture necessarie al rilancio del Cantiere, a partire dal bacino da 150 mila  tonnellate, fermo da più di 20 anni, dai bacini galleggianti di proprietà della Regione e dalla conferma dell’uso industriale delle aree in concessione alla stessa Fincantieri, alla quale la Fiom chiede “che Palermo torni a costruire navi intere al pari degli altri cantieri italiani, con una missione produttiva chiara e definita”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]