Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Cia Sicilia Occidentale, la presidenza va a un giovane imprenditore del vino



È Camillo Pugliesi, giovane imprenditore vitivinicolo di Alcamo, il nuovo presidente della Cia Sicilia Occidentale Palermo/Trapani. Pugliesi è stato eletto ieri, al Saracen Sands Hotel & Congress Centre di Isola delle Femmine, al termine dell’ottava Assemblea Elettiva composta da 50 delegati. Con i suoi 37 anni, il nuovo presidente fa parte della nuova leva di imprenditori agricoli che uniscono tradizione e innovazione all’interno dei propri processi produttivi.

Cia Sicilia Occidentale

Oltre ad essere imprenditore agricolo, è avvocato e socio fondatore ImpresaItalia Consulting, che si occupa di consulenza e finanza agevolata rivolta, perlopiù, ad imprese vitivinicole ed enti di promozione e tutela delle produzioni vinicole regionali. “Ringrazio, innanzitutto, tutte le autorità e i delegati che sono intervenuti e che hanno accolto la mia candidatura – ha commentato Pugliesi – e ringrazio la Cia tutta per questa opportunità. Quella che oggi nasce è la presidenza di tutti gli agricoltori e allevatori delle province di Palermo e Trapani, non ci sarà un presidente ma una presidenza che lavorerà con la giunta e la direzione. La mia candidatura, oltre ad essere motivo di orgoglio, è soprattutto una grande sfida visti gli attuali e futuri scenari legati alla pandemia e alla situazione geopolitica internazionale. Dovremo muoverci lungo due direttrici: innanzitutto ascoltare e raccogliere le istanze delle imprese agricole del territorio, in modo da offrire risposte immediate ai problemi contingenti; in secondo luogo, l’organizzazione, al tempo stesso, dovrà guardare al futuro e raccogliere le sfide che quest’epoca ci impone. L’attenzione deve essere posta sulla sostenibilità e bisogna attivare processi di conversione aziendale che vadano in questa direzione. Noi agricoltori accettiamo sicuramente tutte queste sfide, lo abbiamo sempre fatto. I nostri investimenti aziendali devono però essere supportati da un’attenta programmazione e, successiva, attuazione delle nuove politiche agricole comunitarie e del Pnrr. Occorre attivare un dialogo costruttivo con le istituzioni che stanno scrivendo le regole dei prossimi decenni e accompagnare le imprese associate in questo laborioso processo di transizione. Grande attenzione, infine, dovrà essere riservata alla parte della formazione delle nuove generazioni di agricoltori, più attente all’ambiente e ai cambiamenti climatici”.

Pugliesi succede al compianto Nino Cossentino, scomparso a poche settimane dalla conclusione del suo secondo mandato. Cossentino è stato ricordato dall’assemblea che ha consegnato una targa riconoscimento al figlio Francesco. Nel corso della giornata, in presenza e in collegamento, sono intervenuti anche gli assessori regionali Girolamo Turano (Attività produttive) e Toni Scilla (Agricoltura) e il deputato Antonio Lombardo. È stata formata anche la nuova giunta che ha deciso di riconfermare Luca Basset nel ruolo di direttore: “Continuiamo un lavoro di grande impegno a difesa del mondo agricolo – ha dichiarato Basset – iniziato con il fondamentale apporto dell’ex presidente Nino Cossentino. Con il nuovo presidente e la nuova giunta continueremo sullo stesso solco che mette al centro gli interessi delle imprese agricole, soprattutto quelle piccole e medie che da tempo vengono soffocate da prezzi ingiusti e da una burocrazia che richiede sempre più impegno di tempo e soldi dietro una scrivania che nei campi. Il settore agricolo è fondamentale per il paese, lo ha dimostrato durante la pandemia, merita quindi il giusto rispetto e la giusta considerazione a tutti i livelli della politica. Stiamo affrontando un periodo delicatissimo, dobbiamo venirne fuori da vincitori”.

L’assemblea è stata aperta dall’intervento del vicepresidente vicario, Salvatore Nasello, che ha posto l’accento sui tanti fronti di crisi che attanagliano agricoltori e allevatori, situazione aggravata dal recente rincaro senza controllo dei carburanti. A seguire gli interventi di Claudia Merlino, direttore generale di Cia Agricoltori Italiani, e di Rosa Giovanna Castagna, presidente di Cia Sicilia.

“Sono molto contenta dell’invito ricevuto dalla Cia Sicilia Occidentale – ha detto Merlino – ci tenevo ad essere presente perché è un’assemblea importante, di un territorio altrettanto importante e strategico per la Cia nazionale. Oggi credo si sia dato il senso vero del rinnovamento in seno alla confederazione, il passaggio a una figura nuova, giovane, capace con cui la Cia si impegna a collaborare a pieno ritmo e in forte sinergia. Quella sinergia in atto tra le forze nuove e quelle storiche in seno alla confederazione”.

“Quella di oggi è una assemblea fondamentale – ha dichiarato Castagna Cia Sicilia – perché segna il passaggio a una nuova governance per due territori importanti come Palermo e Trapani. Ricordiamo con affetto, commozione e anche con molta stima il lavoro fatto dall’ex presidente Nino Cossentino, che ha permesso alla Cia Sicilia Occidentale di compattarsi e di progredire. Facciamo un grande in bocca al lupo al nuovo presidente, un giovane della provincia di Trapani che ha voglia di rappresentare tutto il territorio della Sicilia occidentale. Cosa molto importante è anche la voglia di lavorare in sinergia con la Cia regionale e quella nazionale, un’organizzazione che ha difeso in questi anni difficili il lavoro che molto bene fanno gli agricoltori e che porta avanti con tenacia tutte le loro istanze”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]