Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Confapi Sicilia: modello ungherese per turismo e ristorazione



la proposta arriva da Dhebora Mirabelli, presidente Confapi Sicilia: “Albergatori, agriturismi e ristoranti al collasso in Sicilia come nel resto del mondo. Il governo regionale valuti rimborsi che portino almeno all’esenzione di due terzi dell’imposta sui salari per le imprese del settore. La riduzione del cuneo fiscale in vigore da luglio 2020 non è stata sufficiente, così come i ristori ad oggi erogati, a colmare le gravi perdite sostenute da questi imprenditori” .

Dhebora Mirabelli, presidente Confapi Sicilia

Il suggerimento di ispirarsi all’Ungheria arriva dal nostro ambasciatore per l’internazionalizzazione – Maurizio Sauli, già Presidente della Camera di Commercio Italia-Ungheria. Egli, comunica in una nota inviata questa mattina: “Il sostegno salariale che il governo ungherese offre ai lavoratori nei settori del turismo e della ristorazione è stato prorogato fino a marzo. L’annuncio è stato contestuale alla comunicazione della decisione di estendere le restrizioni pandemiche, che includono un coprifuoco serale e il divieto di cenare nei ristoranti fino al 15 marzo” – continua, “Qui il governo si è offerto di coprire più della metà dei salari lordi delle imprese che sono state colpite più duramente dalla pandemia in quanto ha rafforzato le restrizioni e introdotto un coprifuoco a partire da novembre. Il Governo ha esentato tali imprese dall’imposta sui salari, sovvenzionando effettivamente i due terzi dei costi del personale.” 

Più di 16.000 aziende ungheresi hanno richiesto oltre 41 miliardi di HUF, pari a circa 112 milioni di euro, del sostegno salariale per circa 115.000 dipendenti. Ad oggi circa il 95% di queste domande è stato accettato e il 99% delle sovvenzioni, circa 39 miliardi di HUF, pari a 107 milioni di euro, è stato concesso. 

Confapi Sicilia facendosi portavoce delle istanze del comparto che pervengono sempre più numerose e preoccupate per future chiusure definitive, invita ad una risposta immediata e sostenibile. “Nessuna valutazione di merito, nessun adempimento e appesantimento burocratico. In questo caso non perdono solo gli imprenditori ma l’attrattività che da sempre ha contraddistinto la nostra isola: cultura e buon cibo sono un nostro patrimonio ineguagliabile, meritano più rispetto e attenzione con soluzioni chiare e immediate. Ne beneficerà l’intero indotto.”  Conclude all’unanimità la Giunta di Confapi Sicilia, riunitasi la scorsa settimana per ascoltare ristoratori della Province di Ragusa, Siracusa e Catania. 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]