Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Coronavirus: stop alle file con YouLine, la web app anti-contagio



Si chiama YouLine e punta a far dimenticate le file in banca, nei musei o nei supermercati a causa delle misure anticontagio in era Coronavirus. Con questa app sarà risolto anche il problema delle sale d’attesa negli studi medici o nei centri estetici, alcuni tra i luoghi più a rischio in termini di contagio.

Basterà inquadrare un codice situato all’esterno di uffici o attività commerciali per mettersi in fila o prenotare il turno comodamente da casa. Un sistema semplice e innovativo, quello ideato da due medici palermitani con il pallino per le nuove tecnologie, che aiuterà a gestire la ripresa ma potrebbe rivelarsi utilissimo pure in futuro, visto che le nostre abitudini dovranno necessariamente cambiare ed evitare assembramenti sarà la regola anche dopo la fine dell’emergenza Covid.

Perché se è vero – come dicono gli esperti – che per una cura o un vaccino serviranno mesi o addirittura anni, la ricetta per tornare a vivere in questa fase e anche oltre non può prescindere dal rispetto delle regole sul distanziamento sociale. “E in questo senso – spiegano Francesco Cupido e Mario Imburgia, che hanno finanziato e sviluppato YouLine con il supporto tecnico di Andrea Santangelo – ogni spazio confinato è un luogo a rischio. Bar, negozi, supermercati, centri estetici, poliambulatori, studi medici o professionali, ma anche banche, uffici postali, enti pubblici o privati possono agevolare il contagio se non si rispettano alla lettera le circolari e le indicazioni dell’Istituto superiore di Sanità”.

Di necessità virtù: quando hanno iniziato a sviluppare YouLine, Francesco Cupido (otorino, professore aggregato all’università di Palermo e già ideatore nel 2014 di Doctor Chat) e Mario Imburgia (odontoiatra, professore associato all’università di Rochester) volevano solo riaprire i loro studi professionali e tornare al lavoro in sicurezza. Ma in poco tempo hanno capito che il modello poteva essere esportato ed è iniziato un percorso che si può sintetizzare in una parola: semplificare. Non solo la vita e le abitudini di chi si è ritrovato improvvisamente a fare i conti con la paura del contagio e con enormi restrizioni, ma anche di chi ha la necessità di riprendere l’attività lavorativa.

YouLine non è la prima e nemmeno l’unica applicazione in grado di gestire flussi e spazi. Ma rispetto alle altre, si propone come la sintesi migliore. Tra i punti di forza, oltre alla semplicità, c’è senza dubbio l’accessibilità a tutti, grazie a un sistema sofisticato nello sviluppo ma elementare nell’uso. Chiunque voglia utilizzare questo software per la propria attività deve semplicemente collegarsi al sito YouLine.it e mandare una mail per ottenere un codice QR che potrà situare all’esterno, sui volantini (nel caso dei supermercati) o sul proprio sito web. La semplicità sta pure nel non dovere installare totem o altre apparecchiature elettroniche: basta un adesivo o un normalissimo foglio stampato e affisso all’ingresso.

Ancora più semplice l’acceso per gli utenti. YouLine è una web app e non richiede installazione, funziona su tutti i device (non solo smartphone ma anche pc) ed è assolutamente gratuita. Inoltre, rispetta la privacy e non necessita l’inserimento di informazioni personali. In estrema sintesi, basterà inquadrare il codice o caricare il link per sfruttarne i vantaggi. La funzionalità è doppia: nel caso di banche, uffici, supermercati o centri commerciali gestisce le file evitando assembramenti, mentre si trasforma in una sala d’attesa virtuale agevolando il lavoro e il flusso degli utenti di studi professionali o medici e poliambulatori.

“L’idea – aggiungono Cupido e Imburgia – è nata innanzitutto dalla necessità di trovare soluzioni per i pazienti e per il personale dei nostri studi professionali. Per quanto possiamo sanificare costantemente stanze e poltrone in cui operiamo, uno dei punti critici resta infatti la classica sala d’attesa con riviste e divanetti. Per superare il problema abbiamo quindi pensato di trasferire questa parte dello studio in una stanza virtuale, gestendo da remoto gli accessi e il pre triage. Dopo avere elaborato e testato YouLine abbiamo capito che in realtà questo software poteva essere applicato ovunque e quindi abbiamo pensato di metterlo a disposizione di tutti gratuitamente”.

Per sostenere i costi i due medici palermitani, che per lo sviluppo hanno utilizzato fondi propri e nessun finanziamento pubblico, hanno già ideato una versione premium con molte più funzionalità, oltre alla possibilità di inserire banner pubblicitari. È previsto pure un meccanismo per automatizzare completamente la procedura, consentendo in questo modo alla fila di scorrere senza alcun intervento dall’interno e senza l’impiego di risorse. Una scommessa legata a un aspetto che gli sviluppatori ritengono fondamentale: “L’utilità. Siamo convinti che YouLine avrà successo – concludono Mario Imburgia e Francesco Cupido – per il semplice fatto che questa web app risolve una serie di problemi che fino a pochi giorni fa sembravano insormontabili, mettendo a rischio non solo la gestione ma in molti casi la sopravvivenza stessa delle aziende. Inoltre, potrebbe diventare un modello e un’occasione, partendo da un momento drammatico come il lockdown da cui stiamo lentamente provando a uscire, per migliorare la qualità dei servizi e il rapporto tra enti-imprese-studi e utenti”.

Nell’elaborazione di YouLine, i due medici hanno prima studiato le (poche) realtà simili sul mercato e hanno apportato una serie di migliorie, semplificando al massimo accesso e utilizzo. La web app funziona mediante notifica sonora e vocale e offre, tra l’altro, la possibilità di prenotarsi anche in diverse attività commerciali e studi professionali (multilog), di modo che uscendo di casa ci si può “mettere in coda” simultaneamente in più posti e gestire gli spostamenti in base alla velocità con cui scorrono le varie file, abbattendo drasticamente i tempi morti.

Per attività come bar, supermercati o grossi centri commerciali c’è l’ulteriore beneficio di recuperare risorse che oggi vengono destinate a gestire gli ingressi e le file. Basterà infatti un display all’esterno in modalità wi-fi (anche una normale smart tv, quindi con costi veramente irrisori) collegato a YouLine per gestire automaticamente i flussi. Senza contare il vantaggio, per gli studi professionali, di evitare l’intasamento delle sale d’attesa.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]