Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Credito, Irfis punta a diventare in tre anni investment bank



Pubblichiamo un articolo tratto da MF-Sicilia e firmato dal giornalista Antonio Giordano sui progetti dell’Irfis

di Antonio Giordano

Un passaggio da 47 a 120 milioni di prestiti concessi, focus sulla consulenza aziendale e una nuova strategia di aiuto per le nuove imprese siciliane. Ecco alcuni dei dettagli del piano di sviluppo triennale dell’Irfis Finsicilia, il mediocredito partecipato dalla Regione siciliana e vigilato dalla Banca di Italia, che saranno discussi e approvati nel corso del Consiglio di amministrazione che è stato convocato per martedì prossimo. Dettagli che sono stati illustrati ed anticipati dal presidente Alessandro Dagnino nel corso di un incontro che si è tenuto alla facoltà di economia di Catania.

Si parte dalle start up. Oltre agli strumenti finanziari già a disposizione per le nuove imprese, infatti, l’istituto ha aperto dei canali di comunicazione con le Università siciliane per il sostegno alle idee di impresa degli studenti. “Il modello finanziario concepito in Usa per le start up è difficilmente applicabile in Italia, perchè troppo incentrato sull’equity” ha spiegato il numero uno dell’Irfis, “per questo è necessario elaborare una nostra strada e su questo stiamo lavorando”. Allo studio, infatti, secondo quanto spiegato dal presidente “una collaborazione con le università siciliane per creare delle borse di studio o dei premi destinati alle nuove imprese sulla scia di quanto hanno fatto anche altri istituti”. Ma l’istituto si propone anche di “ingrandire la torta”, quindi le risorse disponibili, ovvero cercare di attrarre fondi e investitori decisi a puntare sulle aziende siciliane. Obiettivo del nuovo piano triennale di crescita dell’istituto, inoltre, sarà quello di sviluppare appieno l’attività di consulenza per le imprese che si rivolgono all’Irfis. “Consulenza non solo individuale ma anche di sistema”, ha spiegato Dagnino “una strada che ci porterà ad essere una investment bank”.

Diverse le linee di azioni privilegiate in questo campo. Favorire la concentrazione di imprese e la nascita di reti tra le pmi siciliane ma anche operazioni di m&a, fusioni e acquisizioni tra aziende. Irifis, infine, dopo avere già aperto una collaborazione con la Bei, adesso punta al riconoscimento di Istituto territoriale di promozione per sfruttare al meglio le risorse del piano Juncker. “Nostro obiettivo è avere questo riconoscimento”, ha spiegato Dagnino, “ci vuole una decisione di carattere politica ma non credo che manchi la volontà”. “La nostra missione”, ha spiegato infine Dagnino, “è quella di essere vicini alle imprese del territorio promuovendo i finanziamenti alle sue imprese migliori e studiando soluzioni ad hoc”.

Missione non facile considerando che in Sicilia, secondo uno studio commissionato dalla stessa Irfis sulle banche aventi sede legale in regione, ci sono crediti deteriorati per circa 11 miliardi di euro a fronte dei 360 a livello nazionale e in cui la dimensione delle aziende è per il 65% quella delle micro e piccole imprese. Tra gli interventi già realizzati ci sono il salvataggio della Cesame, la storica azienda di sanitari del catanese passata ad una cooperativa composta da ex lavoratori, e l’emissione e sottoscrizione di due mini bond per le aziende siciliane.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]