Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Economia di Dubai: approfondimento e dettagli



I pacchetti di stimolo economico del governo, Expo 2020 Dubai, procedure flessibili hanno fortemente stimolato il mercato immobiliare di Dubai nel 2021. Secondo Wam,  l’agenzia di stampa degli Emirati, il mercato immobiliare di Dubai continua a essere motore chiave per la crescita di vari settori e attività economiche nell’emirato.  Secondo la relazione annuale sulle transazioni emessa dal Dipartimento delle Terre di Dubai (DLD) il settore che ha registrato 84.772 transazioni per un valore di 300 miliardi di AED nel 2021.

Dubai
Photo by Stephane Hurbe on Pexels.com

 “Il settore immobiliare di Dubai ha dimostrato ancora una volta la sua resilienza, attrattiva e capacità di raggiungere una crescita sostenibile anche durante le circostanze eccezionali che si verificano a livello globale. I risultati evidenziati nella relazione sono di buon auspicio per il futuro poiché il Paese inaugura altri 50 anni di sviluppo economico. Il settore immobiliare rappresenta un importante catalizzatore per la crescita di diversi altri settori” ha spiegato Sultan Butti bin Mejren, direttore generale di DLD.

Tradizionalmente l’economia di Dubai è legata al petrolio anche se in misura inferiore rispetto agli altri emirati, considerato che le sue riserve petrolifere sono un ventesimo di quelle di Abu Dhabi. Ma lo sguardo è anche proiettato verso la transizione energetica: l’anno scorso è stato inaugurato quello che è stato definito il “primo impianto di idrogeno verde su scala industriale alimentato da energia solare in Medio Oriente e Nord Africa”, con coloro che stanno dietro lo sviluppo sperando che contribuirà a catalizzare il settore delle energie rinnovabili della regione.

Negli ultimi anni sono cresciuti anche altri settori come il turismo, l’information technology e, grazie alla creazione del Dubai International Financial Center, della finanza. L’Emirato si distingue da qualsiasi altro Paese al mondo per vari aspetti: “Un’economia e una stabilità finanziaria superiore a qualsiasi altra realtà, una qualità della vita invidiabile, una tassazione e una burocrazia incredibilmente agile, oltre ad essere un polo internazionale di scambio interculturale attorno al quale orbitano le eccellenze del business” dicono gli esperti.

Secondo le dichiarazioni dello sceicco Hamdan bin Mohammed bin Rashid Al Maktoum, erede al trono di Dubai, si prevede che l’economia di Dubai, cresciuta del 3,1% nel 2021, cresca del 3,4% nel 2022. “La nostra visione per il futuro ha abbracciato le partnership globali nonché l’energia dinamica dei nostri talenti nazionali” ha twittato il principe ereditario. L’emirato ha introdotto riforme in materia di visti e affari progettate per rendere più facile per gli stranieri vivere e lavorare a Dubai e possedere pienamente le proprie attività lì, senza il precedente requisito di un partner locale. 

Tornando al mercato immobiliare, la relazione di DLD ha rivelato una crescita del 65% del numero di transazioni e un aumento del 71% del valore rispetto al 2020. Un totale di 52.415 investitori ha concluso 72.207 nuovi investimenti nel 2021 per un valore di 148 miliardi di AED, con una crescita del 73,7% nel numero di investimenti, un aumento del 65,6% nel numero di investitori e un aumento del 100% nel valore degli investimenti rispetto al 2020. Riflettendo la capacità del settore di realizzare progressi nonostante le attuali circostanze eccezionali, i risultati rafforzano ulteriormente la sua posizione di leader regionale e globale. Un totale di 6.097 investitori arabi ha registrato 7.538 investimenti, con un valore superiore a 12,4 miliardi di AED. Il settore immobiliare di Dubai ha anche attirato 38.318 investitori stranieri, che hanno concluso 51.553 nuovi investimenti per un valore di oltre 99 miliardi di AED.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]