Economia siciliana 2018, Banca d'Italia: fase di rallentamento
Press "Enter" to skip to content

Economia siciliana 2018, Banca d’Italia: fase di rallentamento

L’economia siciliana nel 2018 ha registrato un rallentamento. E’ il punto di partenza del Rapporto sull’economia della Sicilia nel 2018 presentata da Banca d’Italia. Un rallentamento che si inserisce in un quadro nazionale e europeo di indebolimento della fase ciclica che ha caratterizzato soprattutto la seconda parte dell’anno. Per quanto riguarda i comparti produttivi, la produzione agricola in Sicilia nel 2018 è diminuita (a prezzi costanti) del 4,9 per cento: si è ridotta la quantità di cereali e ortaggi. La crescita del valore aggiunto dell’industria siciliana in senso stretto è stata dell’1,8 per cento (secondo stime Prometeia) in linea con l’andamento nazionale del settore e in rallentamento rispetto al 2017 quando la crescita del valore aggiunto industroiale era stato del 3,4 per cento.

L’andamento delle imprese siciliane nel 2018

“I principali indicatori dell’attività produttiva sono peggiorati” si legge nel rapporto . In particolare, la crescita del valore aggiunto è risultata nel complesso modesta, sostenuta soprattutto dal settore industriale che, però, ha registrato un indebolimento rispetto al 2017. Un contributo positivo è derivato dalle esportazioni di merci, cresciute in tutti i maggiori comparti di specializzazione regionale. Si è esaurita la fase espansiva del settore dei servizi, mentre nell’edilizia è proseguita la riduzione dell’attività, nonostante l’aumento dei bandi pubblici negli ultimi anni, che tuttavia si traducono in nuovi lavori con un certo ritardo temporale.
L’economia siciliana continua a caratterizzarsi per un divario di produttività molto ampio nel confronto con la media nazionale, comune a tutti i settori. Negli ultimi anni le condizioni economiche e finanziarie delle imprese in Sicilia sono comunque migliorate; l’incremento della redditività ha contribuito alla crescita della capacità di autofinanziamento e alla riduzione della leva finanziaria, alimentando le disponibilità liquide.
La prolungata contrazione dei prestiti bancari al settore produttivo si è interrotta nel corso del 2018; l’andamento ha continuato a essere differenziato tra settori e classi di rischio delle imprese. I prestiti sono aumentati per le aziende manifatturiere e per quelle dei servizi, mentre è proseguito l’andamento flettente per il comparto edile; per le aziende classificate come più rischiose il credito è ulteriormente diminuito.

Il mercato del lavoro in Sicilia

L’occupazione regionale è rimasta sostanzialmente stabile, risentendo del rallentamento dell’attività produttiva e in particolare dell’indebolimento della congiuntura nel settore dei servizi. Le assunzioni nette per i lavoratori dipendenti del settore privato si sono portate su un livello leggermete inferiore a quello dell’anno precedente e quelle con contratto a tempo indeterminato sono tornate positive. Nel 2018 il tasso di occupazione è risultato il più basso tra le regioni italiane; per i non occupati la probabilità di trovare un impiego a distanza di un anno ha continuato a essere inferiore alla media italiana.

Il mercato del credito

Il ridimensionamento della rete territoriale delle banche è continuato, sospinto anche dall’incremento delle forme di contatto telematico tra intermediari e clientela.
Il credito all’economia siciliana, in crescita dalla seconda metà del 2016, ha continuato ad aumentare. Gli indicatori che misurano il deterioramento della qualità del credito sono rimasti su valori contenuti nel confronto storico. È proseguito il processo di alleggerimento dei bilanci bancari dal peso dei crediti deteriorati, attraverso la loro cancellazione e intensificando le svalutazioni delle posizioni ancora presenti negli attivi.
I depositi bancari sono cresciuti mentre il valore degli investimenti in titoli finanziari ha subito una brusca riduzione, che ha interessato tutti i principali strumenti ad eccezione dei titoli di Stato.

La finanza pubblica decentrata

La spesa delle Amministrazioni locali è rimasta sostanzialmente invariata: l’aumento degli acquisti di beni e servizi è stato controbilanciato dalla flessione delle spese in conto capitale; tra queste ultime sono tornati a crescere gli investimenti fissi lordi. I costi del servizio sanitario, principale componente della spesa corrente, sono cresciuti non solo per i maggiori acquisti di prodotti farmaceutici, ma anche per il lieve aumento della spesa per il personale sanitario, in ripresa dal 2017 dopo una contrazione iniziata nel 2011. Le entrate correnti degli enti territoriali sono diminuite soprattutto per effetto della riduzione dei trasferimenti e delle entrate extratributarie. È proseguito il calo del debito delle Amministrazioni locali, la cui incidenza pro capite rimane inferiore alla media nazionale.

Le famiglie

La crescita del reddito disponibile e dei consumi delle famiglie è proseguita ma rimane modesta. Le famiglie siciliane continuano a caratterizzarsi per una disuguaglianza dei redditi da lavoro superiore rispetto alla media nazionale, sulla quale incidono soprattutto i bassi livelli occupazionali.
Tra il 2008 e il 2017 la ricchezza netta delle famiglie siciliane è cresciuta solo lievemente e in misura più esigua della media italiana. Il contributo positivo delle attività finanziarie ha controbilanciato la riduzione del valore delle abitazioni tra le attività reali.
Nel 2018 i finanziamenti concessi alle famiglie consumatrici siciliane hanno continuato a crescere; l’espansione ha riguardato sia il credito al consumo sia i mutui. I tassi di interesse sui finanziamenti per l’acquisto dell’abitazione, che già erano su valori particolarmente contenuti, hanno registrato un’ulteriore diminuzione. Negli ultimi anni l’ampio ricorso alla ricontrattazione delle condizioni sui mutui stipulati in passato, mediamente più costosi rispetto a quelli più recenti, ha consentito alle famiglie di ridurre l’onere dell’indebitamento.

(Visited 90 times, 1 visits today)

Be First to Comment

    Lascia un commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.