Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Efficienza energetica, Licitra (Sicindustria): “Servono politiche di sostegno per la manifattura locale”



Quattro richieste con un occhio all’ambiente e un altro allo sviluppo e alla maturità delle imprese. Quattro punti di una strategia che è destinata a portare benefici a tutti perché interviene in un settore chiave della nostra vita quotidiana: quello dell’energia. La prospettiva è di intervenire sull’efficientamento energetico soprattutto delle imprese: il che significa rendere anche il sistema produttivo nel suo insieme più efficiente e dunque competitivo. E meno inquinante. E’ questo il messaggio che lancia Leonardo Licitra, presidente di Sicindustria Ragusa che chiede attenzione per la manifattura locale, sburocratizzazioine, rimozione delle incertezze normative e regolatorie, confronto tra imprese e istituzioni.

Parliamo di numeri intanto presidente. Quanto vale questo tipo di intervento e che ritorno economico ci si aspetta?
Numeri di dettaglio sulla Sicilia non ve ne sono ma il recente rapporto sull’efficienza energetica realizzato da E&S Group del Politecnico di Milano in collaborazione con Rse e Enea prevede, in uno scenario di piena attuazione delle policy europee, una domanda finale nazionale pari a 543 miliardi di euro, un valore medio della produzione industriale pari a 1,9 %, una occupazione totale di 5,7 milioni di Ula (Unità lavorative annue), con effetti positivi sul bilancio statale per complessivi 69,1 miliardi, con benefici in termini di decarbonizzazione e di miglioramento della qualità dell’aria di 72 Mt di CO2 risparmiate ogni anno.

Questo in prospettiva. Ma intanto cosa è stato fatto?
Gli investimenti in efficienza energetica realizzati in Italia hanno raggiunto i 6,13 miliardi di euro nel 2016 in crescita del 8% rispetto al 2015 confermando il trend di crescita degli ultimi 5 anni. Il segmento residenziale guida la classifica con il 53% del totale, seguito dal settore industriale con il 33% (2 miliardi di euro)e dal settore terziario con il 14%. Per quanto riguarda le tecnologie pompe di calore, illuminazione e superfici opache costituiscono il 50% del investimenti complessivi in efficenza energetica. Sette imprese su dieci dichiarano di aver realizzato investimenti in efficienza energetica nell’ultimo anno. In crescita è lo strumento dell’audit energetico (obbligatorio per i soggetti industriali di grandi dimensioni e per le imprese energivore) e la definizione di figure professionali anche interne all’azienda per la gestione e il controllo dell’impiego di energia elettrica.

Quali sono le vostre richieste?
L’efficienza energetica ha un impatto potenziale decisamente elevato sia sul piano economico che su quello sociale. Questo potenziale deve essere sfruttato per sostenere il lento percorso di ripresa economica che stiamo affrontando. Occorre pertanto: orientare le politiche di sostegno all’efficienza energetica verso la manifattura locale per massimizzare le ricadute occupazionali; rimuovere le barriere non economiche: complessità, incertezza e inadeguatezza normativa e regolatoria che bloccano lo sviluppo delle tecnologie di efficienza energetica; semplificare e sburocraticizzare l’accesso agli strumenti incentivanti anche per piccoli interventi di installazione di tecnologie efficienti; rafforzare il confronto tra imprese e istituzioni per sostenere politiche di sviluppo a maggior “valore aggiunto”; favorire la diffusione della cultura dell’efficienza energetica attraverso la promozione di strumenti di comunicazione istituzionale.

La Regione siciliana si accinge a pubblicare un bando di 37 milioni.
E’ un dato importante perché crediamo vada nella giusta direzione: quella del sostegno alle imprese che vogliono investire in qualità. E’ un aiuto selettivo al sistema produttivo e pertanto ha un grande valore di politica economica: indirizza le imprese, le spinge, se vogliamo dirla così, in una direzione che garantisce qualità a tutti. Ma garantisce anche risparmio e dunque anche benefici per i bilanci e non è poco, direi. Le storie delle aziende raccontate nel corso dell’incontro sono la testimonianza di quali siano i benefici positivi. Certo la previsione di utilizzare ancora una volta il cosiddetto click day non ci lascia soddisfatti perché, come abbiamo detto tante volte, non premia il merito dei progetti ma solo, diciamo così, la velocità di presentazione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]