Press "Enter" to skip to content

Fondi Ue, Lezzi: da Sicilia passi avanti, ma serve massimo sforzo

“L’interlocuzione avuta oggi a Roma con il presidente Nello Musumeci e i tecnici della Regione Siciliana mi porta a dire che sono stati compiuti dei significativi passi in avanti rispetto ad alcuni mesi fa.” Così il ministro per il Sud Barbara Lezzi al termine del tavolo tecnico.

“Tutto questo è stato reso possibile anche dal patto di cooperazione rafforzata che ho siglato alla fine di giugno con Regione, Agenzia per la Coesione territoriale e il commissario europeo per le Politiche regionali. Restano certamente alcuni nodi da sciogliere e da qui al 31 dicembre il tempo a disposizione è poco, per cui è necessario continuare a lavorare a testa bassa, compiendo il massimo sforzo: su questo aspetto ho con la Regione c’è pieno accordo. Al contempo, rilevo che alcune cifre rispetto al rischio di disimpegno dell’N+3 che sono circolate in questi giorni sono certamente superiori rispetto al reale stato dell’arte”.

Il ministro per il Sud Barbara Lezzi, rispondendo, durante il question time alla Camera dei Deputati, ad una interrogazione su interventi e misure in favore del Sud ha affermato: “Non ho mai detto che ci siano pronti 100 miliardi per il Sud, come si dichiara nell’interrogazione: se è stato scritto da organi di stampa è evidentemente una notizia falsa. Quello che il nostro governo ha intenzione di fare per il Mezzogiorno d’Italia è finalmente attuare degli investimenti nella quota ordinaria, quella nazionale, che sia pari almeno al 34%, quota che noi abbiamo fissato perché il 34% è la popolazione che risiede nel Mezzogiorno d’Italia.”

“Per le misure straordinarie ci sono i fondi strutturali europei, i quali debbono tornare ad essere dei fondi addizionali rispetto alla quota ordinaria, mentre purtroppo nel corso degli anni sono diventati fondamentalmente sostitutivi della quota ordinaria.

Intendiamo armonizzare gli interventi, con il concerto delle Regioni, partendo dalla priorità che tutte le risorse devono rimanere nei territori: tutto il resto sono menzogne. Per questo già da qualche settimana ho inoltrato alla Commissione europea uno specifico emendamento in cui si fissa nella riprogrammazione la priorità per i territori a cui competono quelle risorse, e questo per noi è un concetto assolutamente insuperabile. Con l’armonizzazione che farò di concerto, e che ho già iniziato a fare, con tutte le Regioni d’Italia, cercherò di ottenere una programmazione efficace ed efficiente, che sino ad ora, visti i risultati, non si è ottenuta.”

Musumeci: “Su spesa Fondi Ue prudente ottimismo”

«Se penso che al mio insediamento alla guida della Regione abbiamo trovato appena sei milioni di euro di spesa certificata sui fondi europei, mi viene facile dire che in questi pochi mesi sono stati compiuti passi da gigante».

Lo ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, dopo l’incontro a Roma con il ministro per il Mezzogiorno Barbara Lezzi, per fare il punto sui fondi Po Fesr assegnati all’Isola nella programmazione 2014-20.

«I dipartimenti – continua – stanno lavorando con impegno, in questa corsa contro il tempo. Lo so: diventa impensabile fare in dieci mesi quello che non è stato fatto in tre anni. Ma ci stiamo provando, e di questo sforzo ci hanno dato atto tanto il ministro Lezzi, quanto il direttore del Comitato Antonio Caponnetto, e la stessa Commissione di Bruxelles. Al di là della scadenza di dicembre, sulla quale rimango prudentemente fiducioso, rimane l’impegnativo lavoro da continuare nei mesi successivi. Accelerare la spesa pubblica e puntare sugli investimenti significa avere uffici regionali con più risorse umane, motivate e qualificate, e qualche innesto di nuove energie. Chi si oppone a questi obiettivi lavora contro la crescita della nostra Regione».

Be First to Comment

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.