Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.



Game Over, gioco sporco online: Procura di Palermo conclude indagini su 61 persone

Associazione a delinquere di stampo mafioso, riciclaggio, raccolta abusiva di scommesse, truffa ai danni dello Stato, reimpiego e intestazione fittizia di beni, traffico di stupefacenti: sono alcuni dei reati contestati a 61 persone coinvolte nell’inchiesta “Game Over”, alle quali la Procura della repubblica di Palermo ha notificato poche ore fa l’avviso di conclusione delle indagini che Agipronews ha potuto visionare.

L’inchiesta, coordinata dai Pm Antimafia De Luca, Tartaglia e Picozzi, aveva portato il primo febbraio all’arresto di 31 persone e al sequestro di beni immobili, società e conti correnti bancari. Al vertice dell’organizzazione Benedetto “Ninì” Bacchi, personaggio chiave dell’inchiesta e accusato di concorso in associazione mafiosa e riciclaggio del denaro dei clan. Assieme ad Antonio Lo Baido, scrive la Procura nell’avviso di conclusione indagini, Bacchi “stringeva accordi con i capi delle associazioni criminali dei quartieri di Palermo, che avrebbero imposto le loro imprese quali unici soggetti legittimati a gestire videopoker e scommesse online”.

In cambio, i due avrebbe garantito alle organizzazioni criminali “un introito fisso o calcolato a percentuale sulle entrate dell’affare”. L’attività di apertura di centri scommesse, spiega Agipronews, si svolgeva attraverso marchi – B2875, Onebetsport, LPSport, Aleabet – riconducibili alla società maltese Phoenix International, attualmente in amministrazione giudiziaria. 

Nell’inchiesta è finita anche Leaderbet, un’altra società maltese di giochi online, sospettata di legami con la criminalità palermitana. I 61 indagati hanno venti giorni per produrre elementi di difesa che convincano la Procura ad archiviare le accuse, in caso contrario i Pm procederanno con le richieste di rinvio a giudizio indirizzate al Giudice per le indagini preliminari. (Agipronews)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Da Milano Finanza

Ambiente

2 min

La Ugri- Servizi per l’Ambiente è un’ azienda palermitana che opera, prevalentemente, con i suoi servizi in tutta la Sicilia, ma che sviluppa attività anche oltre lo Stretto. Lavora sia con il pubblico che con il privato. Ascoltare i bisogni della comunità è la mission con la quale la Ugri affronta il lavoro rivolgendosi alle […]

1 min

Un milione e 100 mila euro per adeguare gli impianti elettrici di tre dighe in Sicilia, tutte nell’Ennese. Lo prevede un bando del dipartimento dell’Acqua e dei rifiuti pubblicato sul sito istituzionale della Regione Siciliana. In particolare, nella diga Olivo, in contrada Gritti a Piazza Armerina, verranno eseguiti lavori su distribuzione esterna, cabina elettrica, due gruppi […]

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]