Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.



Il giallo della tabella “fantasma” della Rete ospedaliera

Il giallo della tabella “fantasma” della Rete ospedaliera o della doppia tabella. Non è un romanzo di Agatha Cristie ma la denuncia presentata del Movimento 5 stelle. I grillini chiedono che si faccia piena luce sulla vicenda della doppia versione del documento della rete ospedaliera sulle modifiche dei posti letto negli ospedali.

Secondo i pentastellati infatti l’ARS avrebbe votato un testo diverso da quello presente sul sito della Regione e “capire perché – dice il deputato 5 stelle Francesco Cappello – sarebbe quantomeno doveroso”. Il M5S ha scritto a Gucciardi, chiedendo di riportare il testo a Palazzo dei Normanni.

“I danni del voto-lampo della scorsa settimana – dice il deputato Cappello – cominciano ad affiorare. Da subito abbiamo affermato a gran voce che votare in giornata un documento di questa importanza e complessità era un errore madornale, non ci voleva molto a capirlo. Ma evidentemente si è preferito portare avanti questo vergognoso gioco delle tre carte tra governo e parlamento, tra assessore alla salute e componenti della commissione. E ora ci troviamo di fronte a errori e refusi dal significato non tanto velato di una malafede istituzionale e di governo”.

“Il metodo dell’emergenza – continua Cappello – ha fatto cadere nel sacco persino i componenti della maggioranza, che a scatola chiusa hanno votato un documento sbagliato, perdendosi tra un documento ricevuto via mail, appena il giorno prima della convocazione, ed uno consegnato a mano in commissione, uno di matrice assessoriale ed uno di matrice ministeriale.Quale quello giusto? Cosa votare? Come verificare in meno di 11 ore migliaia di numeri, reparti, posti letto, unita semplici e complesse? Noi non ci siamo prestati a questo sporco gioco e abbiamo abbandonato la commissione, ma il giochetto è stato portato avanti facendo arrivare a tarda sera una stampella che tenesse in piedi il numero legale”.
E i contraccolpi intanto non tardano a manifestarsi.

“Tutta la rete della reumatologia – afferma il deputato – è stata cancellata del tutto ed integralmente. Dicono sia un errore o un refuso del governo. Intanto non ci sono più posti letto ed i pazienti non sapranno, se il documento non viene corretto, come e dove curarsi.
Con tutti gli errori ed i refusi di governo da correggere, il testo sarà ancora diverso da quello votato dalla commissione”. 

Critiche sulla rete votata in commissione arrivano anche dalla deputati Vanessa Ferreri. “Il testo votato in commissione – dice la deputata – di fatto, smantella oculistica, neurologia e chirurgia vascolare, tre reparti di eccellenza dell’ospedale ‘Guzzardi’ di Vittoria, che però viene qualificato come Spoke. Un errore grossolano, già indicato come mero refuso dal presidente Digiacomo, che suscita non poche perplessità sulla superficialità e sulla qualità di questo documento, che deve necessariamente tornare in commissione per un esame più approfondito. Solo quando gli errori saranno corretti scopriremo se questi erano veramente tali, oppure meri tentativi, mascherati da refusi, di mantenere promesse elettorali insostenibili”.

Sul Piano presentato dal governo regionale prende posizione anche Fabrizio Ferrandelli, candidato sindaco di Palermo.  “La riorganizzazione della rete ospedaliera dovrebbe portare a un miglioramento del sistema soprattutto in ottica di una migliore offerta al paziente. Declassare una struttura come Villa Sofia-Cervello comporterà invece la perdita di Unità operative complesse o di funzioni. E la sanità palermitana e siciliana non può permettersi ulteriori tagli, ma deve piuttosto guardare al reale fabbisogno sanitario della propria comunità rilanciando l’hub ospedaliero e non alla semplificazione dei reparti, trattandoli alla stregua di sportelli clinici”. 
 
“Come si può credere che un simile ridimensionamento dell’emergenza-urgenza possa aumentare l’efficienza della rete? Prima di prendere simili decisioni bisognerebbe interpellare chi opera nella struttura e conosce il territorio. Chiedo – conclude Ferrandelli – che la rimodulazione del piano venga fatta avendo come obiettivo una sempre migliore offerta per i pazienti”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Un milione e 100 mila euro per adeguare gli impianti elettrici di tre dighe in Sicilia, tutte nell’Ennese. Lo prevede un bando del dipartimento dell’Acqua e dei rifiuti pubblicato sul sito istituzionale della Regione Siciliana. In particolare, nella diga Olivo, in contrada Gritti a Piazza Armerina, verranno eseguiti lavori su distribuzione esterna, cabina elettrica, due gruppi […]

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]