Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Il fondo interbancario, gli istituti siciliani e la sentenza Ue su Tercas



Il sistema bancario, anche in Sicilia, si interroga sui possibili benefici per gli istituti di credito derivanti dalla sentenza del Tribunale dell’Unione Europea sulla cosiddetta vicenda Tercas nella quale è stato riconosciuto il ruolo e l’efficacia del Fondo Interbancario, bloccato in precedenza dalla Commissione Europea. Un sostegno inaspettato per le banche piccole e medie.
“Dalla sentenza europea”, spiega l’advisor finanziario Raffaele Mazzeo, di RMStudio, “si prevedono condizioni migliori per le banche medio piccole. In questo scenario si creano migliori condizioni di sostenibilità per le banche tradizionalmente vicine al territorio”. In pratica il Fondo Interbancario, strumento di sostegno che interviene nelle situazioni di crisi, consiste nell’apporto di risorse fornite dalle banche del sistema. Oggi il Fondo dispone una dotazione di 1,5 miliardi, ampliabile. Il beneficio per le banche deriva dal fatto che da ora sarà consentito ricorrere allo strumento nazionale prima di adottare le misure di risoluzione europee. Dai dati di Banca d’Italia all’inizio del 2018 operavano in Sicilia 60 banche, con una rete di 1.416 filiali con una capacità di impieghi erogati di 60 miliardi. Di queste, 26 banche avevano la sede legale nella regione. Per effetto delle operazioni di concentrazione tra banche e per la riforma del credito cooperativo che ha connesso le Bcc in due gruppi bancari con sede a Roma e a Milano, le banche locali si sono ulteriormente ridotte. In sintesi, dalla stagione delle fusioni degli ultimi anni sono sopravvissute tre banche interamente siciliane e una quarta è nata di recente. Il modello bancario europeo sta mostrando delle criticità dovute in parte anche al mancato funzionamento del meccanismo del Bail In per affrontare le crisi bancarie. “Da qualche tempo”, sottolinea Mazzeo, “è emersa una tendenza a rivalutare le regole nazionali. Inaspettatamente il mese scorso la Banca d’Italia dopo 15 anni ha introdotto la possibilità per le banche minori di abbandonare gli standard contabili internazionali e di adottare i principi contabili italiani nei bilanci. Ormai è chiaro ai governi e alle banche centrali che la soluzione europea del Bail In che prevede il costo dei fallimenti bancari a carico dei clienti delle banche non è facilmente percorribile nella versione attuale. Anche la soluzione alternativa di intervento pubblico degli Stati non è percorribile per un vincolo di equilibrio dei conti. Questo è il motivo per cui la ricetta italiana sperimentata con successo in passato, che vede in alcune situazioni l’intervento delle banche rappresenta una valida alternativa. Dalla soluzione di questo complesso problema dipenderà il futuro economico dell’Europa”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]