Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.



Imprenditori di Sicindustria “comprano” all’asta i problemi di Palermo

I problemi, si sa, non mancano mai. E agli imprenditori palermitani non bastano quelli che hanno già, perché adesso comprano anche quelli che apparentemente non avrebbero. Uno scherzo? Niente affatto. Sicindustria Palermo ha, infatti, chiamato a raccolta ieri sera, all’interno della Stazione Marittima, le imprese associate per partecipare a una singolare asta con l’obiettivo di “accattare” i problemi di Palermo: fontane o marciapiedi da riparare, aiuole da sistemare, attività sociali da sostenere, arredi urbani o attrezzature ludiche da installare.

Un lungo elenco stilato con il Comune, che abbraccia tutta la città, dal centro alle periferie, e diviso in tre fasce d’intervento (fino a 3.000, a 5.000 e a 15.000 euro). Così, gli oltre 150 imprenditori presenti alla cena firmata dallo chef Natale Giunta, si sono contesi i diversi lotti, guidati da un battitore d’eccezione, la giornalista Stefania Petyx. C’è chi si è aggiudicato l’installazione dei dissuasori a scomparsa a Piazza Castelnuovo e chi delle giostre per i bambini di piazza Montegrappa; chi si occuperà delle panchine da posizionare in Piazza San Francesco Saverio e nei pressi dell’Ospedale dei bambini e chi di rifare il campetto di calcio di Borgo Vecchio. E ancora, la fornitura degli arredi per le scuole comunali; la riqualificazione degli spazi verdi di Piazza Leoni così come quella degli arredi di via Principe di Belmonte; la realizzazione e l’installazione di una scultura dedicata a Maurilio Catalano sul Lungomare della città; la sistemazione della fontana di via Magliocco e l’illuminazione artistica delle facciate monumentali dei Quattro Canti. Senza ovviamente dimenticare la Santuzza con un lotto aggiudicato proprio per la stampa dei manifesti e la campagna di affissione per la 399esima edizione del Festino.

“Tante piccole o grandi cose – ha detto il presidente di Sicindustria Palermo, Giuseppe Russello – che però vogliono dare un segnale preciso: noi ci siamo per la nostra città e continueremo ad esserci perché l’impresa non può e non deve essere vista come un’entità a sé stante, ma è parte integrante del territorio in cui opera e l’una non potrebbe esistere senza l’altro. Le difficoltà ci sono e sono tante, ma la lamentala fine a se stessa vale poco e quindi eccoci a rimboccarci le maniche e a comprare anche i problemi che apparentemente non avremmo, ricordando che tutti abbiamo la possibilità di fare qualcosa e che il benessere collettivo è frutto di scelte e comportamenti individuali che aiutano a rendere migliore il luogo in cui viviamo o in cui facciamo impresa. Ieri sera ciascuno ha dato un contributo. E quindi il mio ringraziamento va a tutti i colleghi che hanno risposto alla nostra chiamata accompagnandoci in questa sfida; ai padroni di casa della Stazione Marittima, ovvero Autorità portuale e West Sicily; alla società Terzo Millennio che ha fornito luci, amplificazione, video, telecamere e supporto tecnico in genere; a Natale Giunta, che ha rinunciato a quasi la metà del compenso concordato per la cena e a Stefania Petyx che, al buio, ha sposato l’iniziativa”.

Una linea condivisa dal sindaco Roberto Lagalla, che ha sottolineato: “I problemi di Palermo sono di tutti e questa bella iniziativa, all’insegna di una rinnovata sinergia tra amministrazione comunale e settore industriale, dimostra il grande impegno delle nostre imprese per la cura della città. Ieri sera i problemi si sono trasformati in piccole e grandi sfide accettate con entusiasmo e con la voglia di trasformare in bellezza luoghi trascurati e abbandonati. È stato un momento di grande partecipazione che ha permesso di essere protagonisti attivi di un processo di cambiamento capace di liberare Palermo dal grigiore della trascuratezza e di condurla ad essere una cittadina all’altezza del suo inestimabile patrimonio storico, culturale e artistico. Continueremo a lavorare in questa direzione, attivando reti di collaborazione da estendere a tutti i cittadini, perché insieme si può fare molto. Ringrazio quindi il presidente di Sicindustria Palermo, Giuseppe Russello, e con lui tutti gli imprenditori per quanto stanno facendo e continueranno a fare per la nostra città”.

E spente le luci della sera, lo sguardo è già proiettato al futuro. Il prossimo step? La creazione di un portale web delle sponsorizzazioni, in modo che chiunque volesse intestarsi un problema, potrà individuarlo e sceglierlo con un semplice click.

Perché i problemi, si sa, non mancano mai.

Ecco l’elenco dei “problemi accattati” e delle imprese che se li sono aggiudicati

1.    Azienda: West Sicily Gate srl

Problema: ha ospitato l’evento

2.    Azienda/persona: Andrea Peria

Problema: ha fornito luci, amplificazione, video, telecamere e supporto tecnico

3.    Azienda/persona: Natale Giunta

Problema: ha rinunciato a quasi metà del compenso concordato per la cena per rimpinguare il fondo cassa che aiuterà Sicindustria a intestarsi uno degli interventi

4.    Azienda: Sicindustria Palermo

Problema: installazione dissuasori a scomparsa di piazza Castelnuovo (valore 8.000 euro)

5.    Azienda: Digitrend srl

Problema: progettazione e realizzazione portale delle sponsorizzazioni (valore 2.500 euro)

6.    Azienda: Euromanager Sanità srl

Problema: arredi per piazza Montegrappa – 1° lotto (valore 2.500 euro)

7.    Azienda: Nautilus Aviation spa

Problema: arredi per piazza Montegrappa – 2° lotto (valore 2.500 euro)

8.    Azienda: Lodetti Eugenio srl

Problema: arredi per piazza San Francesco Saverio: 2 panchine (valore 1.600 euro)

9.    Azienda: Sala srl – notaio Luca Bonafede – Vincenzo Marannano – A.B.S. srl

Problema: arredi per piazza Porta Montalto: 4 panchine (valore 4.000 euro)

10.  Azienda: Emanuele Pirazzoli – IMADI srl

Problema: arredi per piazza Borsa: 1 panchina (1.500 euro)

11.  Azienda: Moving Up srl

Problema: pubblicità per iniziative istituzionali (valore 5.000 euro)

12.  Azienda: Casa di Cura Candela SpA

Problema: Sistemazione campetto di calcio Borgo Vecchio (valore 5.000 euro)

13.  Azienda: Ance

Problema: campo bocce a San Filippo Neri (valore 5.000 euro)

14.  Azienda: Edilsama srl

Problema: sistemazione e riqualificazione aiuole piazza Leoni (valore 5.000 euro)

15.  Azienda: Spinnato

Problema: riqualificazione via Principe di Belmonte (valore 3.000 euro)

16.  Azienda: Pasqualino Monti (a titolo personale)

Problema: Murales dello Sperone (valore 5.000 euro)

17.  Azienda: Alessi spa

Problema: stampa e affissione manifesti Festino S. Rosalia (valore 15.000 euro)

18.  Azienda: A C Contract srl

Problema: fornitura arredi per le scuole (valore 10.000 euro)

19.  Azienda: Tecnozinco srl

Problema: scultura dedicata al pittore Catalano in un’area sul lungomare da individuare con l’Autorità Portuale (valore 15.000 euro)

20.  Azienda: Fortezzza (3 Z Serramenti) + LPS Group di Federico Lo Presti

Problema: Giardino della libertà di stampa, riqualificazione e sistemazione fontana (valore 15.000 euro)

21.  Azienda: OMER spa

Problema: riqualificazione di via Magliocco, fontana + realizzazione statua (valore 10.000 euro)

22.  Azienda: Noon srl

Problema: illuminazione artistica Quattro Canti (valore 15.000 euro)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

La Ugri- Servizi per l’Ambiente è un’ azienda palermitana che opera, prevalentemente, con i suoi servizi in tutta la Sicilia, ma che sviluppa attività anche oltre lo Stretto. Lavora sia con il pubblico che con il privato. Ascoltare i bisogni della comunità è la mission con la quale la Ugri affronta il lavoro rivolgendosi alle […]

1 min

Un milione e 100 mila euro per adeguare gli impianti elettrici di tre dighe in Sicilia, tutte nell’Ennese. Lo prevede un bando del dipartimento dell’Acqua e dei rifiuti pubblicato sul sito istituzionale della Regione Siciliana. In particolare, nella diga Olivo, in contrada Gritti a Piazza Armerina, verranno eseguiti lavori su distribuzione esterna, cabina elettrica, due gruppi […]

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]