Industria 4.0: dalla Sicilia la proposta degli imprenditori cattolici



Possiamo ipotizzare che robot e intelligenza artificiale diventino per le prossime generazioni ciò che i personal computer ed internet sono stati per chi è cresciuto tra gli anni Ottanta e Novanta del Novecento?

Società, mondo dell’impresa e dell’industria si trovano davanti a nuove sfide del nostro tempo. Robot e intelligenza artificiale sono opportunità o rappresentano dei rischi per la società e l’impresa?

Su questi temi si confronteranno imprenditori e dirigenti cattolici del nostro Paese aderenti all’Ucid, nel corso della Giornata dell’Imprenditore siciliano che si terrà a Palermo il 14 ottobre, alle 9,00, a Villa Zito (via Libertà, 52) sede di Fondazione Sicilia. Sarà l’occasione per raccontare storie ed esperienze virtuose di imprenditori italiani.

“Siamo all’interno di percorso rivoluzionario, la Quarta rivoluzione industriale, dopo quelle del vapore, dell’elettricità e dell’elettronica – dice Massimo Maniscalco, presidente di Ucid Gruppo Sicilia -. ‘Il fare’ se non sorretto da valori non porta alcunché di positivo. Riteniamo indispensabile una Grande Rivoluzione Etica 4.0 da affiancare in modo strutturale ad Industria 4.0”.

“Non basta promuovere l’acquisto di apparecchiature e sistemi digitali e relativi software per raggiungere obiettivi di competitività e sostenibilità – dice Roberto Ghidella, presidente nazionale Ucid -.  Tali obiettivi sono alla fine per l’uomo e la comunità e quindi va verificato prima se tali acquisti consentono davvero il miglioramento della condizione della persona e delle perfomance economico-sociali. Industria 4.0 è una sfida che può essere vinta se porta il nostro Paese ad incrementare il suo livello sociale, non solo tecnologico. E’ necessario quindi un patto fra parti sociali per condividere gli obiettivi di una rivoluzione per la persona. Ucid è a disposizione delle istituzioni e dei territori come attore di questo tavolo per il bene comune e la sostenibilità sociale”.

All’incontro interverranno tra gli altri Corrado Vergara, ordinario di Economia aziendale all’Università degli Studi di Palermo, Salvatore La Rosa, già ordinario di Controllo e gestione della qualità all’Università di Palermo, Lucia Gazzotti, presidente di Center Gros di Argelato (Bologna), Massimo Villari, docente di Laboratorio di Informatica presso la facoltà di Ingegneria dell’Università di Messina, Adriano Vincenzi, vice assistente spirituale Ucid.

Modera l’incontro Salvatore Cusimano, direttore della sede RAI di Palermo.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

3 min

Voi Technology, azienda svedese di micro-mobilità che offre servizi di sharing in partnership con le pubbliche amministrazioni locali, si fa promotrice del movimento della “Città in 15 minuti” proponendo soluzioni e innovazioni che contribuiranno allo sviluppo sostenibile e al miglioramento della mobilità del capoluogo. Voi Technology, una delle società in gara per il bando indetto […]

3 min

Liberarsi dalle discariche grazie a un costante aumento della raccolta differenziata e alla costruzione di un termovalorizzatore, forti del Piano regionale dei rifiuti, pubblicato in Gazzetta ufficiale lo scorso 9 aprile. Questo l’obiettivo del governo regionale, in linea con le indicazioni dell’Unione europea, per «porre rimedio a 30 anni di guasti e di opacità politiche […]

3 min

Collaborazione più stretta tra Regione Siciliana e ministero dell’Interno per definire e attuare un Piano di conservazione e restauro delle oltre 260 chiese presenti nell’Isola, appartenenti al Fondo edifici di culto (Fec), istituito dal Ministero. È questo l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato questa mattina a Palazzo Orleans, dal ministro Luciana Lamorgese e dal presidente Nello […]