Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Inflazione a Palermo, a dicembre crescita tendenziale dell’1,2%



A Palermo l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività nazionale (NIC) nel mese di dicembre ha fatto registrare una variazione congiunturale pari a -0,1% (a novembre era -0,2%). Rispetto a dicembre 2017 si è invece registrata una variazione tendenziale pari a +1,2% (a novembre era +1,8%). L’inflazione di fondo, calcolata al netto dei beni energetici e degli alimentari freschi, a dicembre è risultata pari a +0,4% (in diminuzione rispetto a novembre quando era pari a +0,7%). Al netto dei soli beni energetici, l’indice dei prezzi al consumo ha fatto registrare una variazione tendenziale pari a +0,5% (in diminuzione rispetto a novembre quando era pari a +0,8%).

L’indice dei prezzi al consumo relativo ai beni ha fatto registrare una variazione tendenziale pari a +1,5% (in diminuzione rispetto a novembre quando era pari a +1,9%); l’indice relativo ai servizi ha fatto registrare una variazione annua pari a +0,8% (in diminuzione rispetto al +1,4% registrato a novembre).

L’indice dei prezzi al consumo relativo ai prodotti acquistati con maggiore frequenza ha fatto registrare una variazione rispetto all’anno precedente pari a +1,3% (in diminuzione rispetto al +2,0% registrato a novembre).

I dati diffusi, avvertono gli uffici del Comune, devono essere considerati provvisori, in attesa della loro validazione da parte dell’Istat. L’Istat diffonderà i dati definitivi del mese di dicembre mercoledì 16 gennaio 2019.

Le divisioni di spesa

Rispetto al mese precedente, l’aumento più rilevante si è registrato nella divisione: “Ricreazione, spettacoli e cultura” (+1,2%). La maggiore diminuzione si è registrata nella divisione: “Servizi ricettivi e di ristorazione” (-1,1%). Non si è registrata alcuna variazione in tre divisioni di spesa.

Passando alle variazioni rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, gli aumenti più elevati si sono registrati nelle divisioni: “Abitazione, acqua, elettricità e combustibili” (+4,7 %); “Bevande alcoliche e tabacchi” (+2,6%); “Altri beni e servizi”(+2,0%); “Trasporti”(+1,4%); “Servizi ricettivi e di ristorazione” (+1,3%).

La maggiore diminuzione si è registrata nella divisione: “Comunicazioni” (-3,6%).

Le tipologie di prodotto

Considerando i due principali aggregati (beni e servizi), a dicembre i beni hanno fatto registrare una variazione tendenziale del +1,5%, in diminuzione rispetto al valore registrato nel mese di novembre. Da rilevare, fra i beni, un aumento dello 0,8% dei beni alimentari e del 6,4% dei beni energetici.

I servizi hanno invece fatto registrare un aumento tendenziale pari allo 0,8%, in diminuzione rispetto al + 1,4% registrato ad novembre.

L’inflazione di fondo (core inflation), ovvero al netto dei beni energetici e dei prodotti alimentari freschi, ha fatto registrare una variazione del +0,4% (era +0,7 % nel mese di novembre).

L’indice dei prezzi al consumo al netto dei soli prodotti energetici, ha fatto registrare una variazione del +0,5% (in diminuzione rispetto al valore registrato nel mese di novembre).

La frequenza di acquisto

Con riferimento alla frequenza di acquisto, i prodotti ad alta frequenza di acquisto3 hanno fatto registrare un aumento dell’1,3%, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente (in diminuzione rispetto al +2,0 % registrato ad novembre).

I prodotti a media frequenza di acquisto4 hanno invece fatto registrare una variazione rispetto all’anno precedente pari al +1,6% ( +2,1% a novembre).

I prodotti a bassa frequenza di acquisto5 rimangono in territorio negativo, attestandosi a – 0,5% su base annua (-0,6% a novembre).

Rispetto al mese precedente, si è registrato una diminuzione fra i prodotti ad alta frequenza di acquisto (-0,5%) ed un aumento fra i prodotti a media frequenza di acquisto (+0,2%) e bassa frequenza di acquisto (+0,1 %).

Il confronto Palermo – Italia

Nei 24 mesi in esame, a Palermo l’inflazione, partita a dicembre 2016 da +0,5%, nei primi mesi del 2017 ha inizialmente manifestato una tendenza al rialzo, fino a raggiungere l’1,9% nel mese di aprile. A partire dal mese di maggio 2017, si è registrata una inversione di tendenza, che ha riportato l’indice a + 0,1% ad aprile 2018. A maggio 2018 nuova inversione di tendenza, che ha fatto risalire l’indice fino a +1,7% a novembre, per poi ripiegare a +1,2% a dicembre.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]