Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

La Lumaca madonita corre ancora. Anche all’estero



Lumaca Madonita, l’azienda fondata nel 2006 a Campofelice di Roccella (www.lumacamadonita.it), nel palermitano, da Davide Merlino, Michele e Giuseppe Sansone, sfruttando il know how acquisito negli anni, ha fatto nascere e avviato un centinaio di nuovi allevamenti negli ultimi 12 mesi, tra aziende e privati in Italia e all’estero. A rivolgersi a loro per far tesoro dell’esperienza acquisita in quindici anni di attività, sono stati uomini e donne under 55 ma anche giovani desiderosi di avviare la loro prima attività o, caso purtroppo sempre più frequente, persone che hanno perso il lavoro o vogliono provare a cambiare vita: l’elicicoltura in questo caso diventa una vera e propria seconda possibilità. 

Lumaca madonita

“Dal 2011, anno in cui abbiamo dato il via all’attività di formazione, progettazione e consulenza ad oggi – dice Davide Merlino, responsabile commerciale dell’azienda – sono più di duemila gli allevamenti che abbiamo avviato e da circa il 90% di questi sono nate delle aziende in Italia. L’elicicoltura rappresenta però una possibilità appetibile anche all’estero: Serbia, Albania, Croazia, Grecia, Ghana, Nord Africa, Polonia, Bulgaria e Georgia. In Georgia, in particolare, stiamo lavorando con il Ministero dell’Agricoltura per dare il via ad un progetto di consulenza e formazione per nuovi allevatori, a conferma dell’interesse sempre crescente nei confronti di questo mondo”.  

Ad attrarre i nuovi imprenditori sono la versatilità e la rimuneratività del comparto. I nuovi allevamenti nascono principalmente per la produzione di chiocciole da gastronomia, che hanno un impiego sempre più diffuso e rappresentano una buona alternativa proteica alla carne o al pesce, ma sono in tanti ad essere interessati anche alla produzione della bava di lumaca, che ha un impiego sempre crescente nell’industria cosmetica e che rappresenta, a tutti gli effetti, un lavoro alternativo all’allevamento per fini gastronomici. 

Inoltre, l’elicicoltura è una valida alternativa alla tradizionale agricoltura in quanto realizzabile su quasi tutte le tipologie di terreno dotate di approvvigionamento di acqua. “Moltissimi sono stati i nuovi allevatori che hanno adoperato vecchie proprietà abbandonate trasformando in attività produttive dei terreni incolti”, dice Davide Merlino. Una scelta che soddisfa in pieno i canoni green e di sostenibilità che l’attuale economia tiene in grande considerazione.

Un settore in grande sviluppo, dunque, nel quale Lumaca Madonita, dal 2009, rappresenta la svolta innovativa. A risultare vincente nel tempo è stato, infatti, il cosiddetto “metodo Madonita”, un sistema di allevamento versatile e adattabile a tutte le realtà climatiche e territoriali messo a punto da Merlino e dai fratelli Sansone. “Il nostro sistema di allevamento – spiegano – a differenza del vecchio metodo che si usava in Italia, riesce a portare introiti già dal primo anno di produzione perché il nostro ciclo di produzione necessità di soli 9 mesi, contro i 2-3 anni del vecchio sistema. Noi valutiamo il grado di umidità del terreno, la pendenza, l’esposizione al sole, la composizione chimica del terreno stesso, le dimensioni dell’appezzamento e il nostro modello è adattabile ad allevamenti molto piccoli che non superino i mille metri quadrati ad altri molto estesi fino a 50 mila metri quadrati. Spieghiamo come lavorare il terreno, come gestire l’allevamento. Abbiamo messo insieme un sistema che è un mix di elementi usati negli allevamenti in Italia e all’estero, riuscendo a produrre grosse quantità in tempi brevi con il minor investimento possibile e un’altissima qualità del prodotto finale. Questi elementi hanno fatto la differenza sul mercato, consentendoci di diventare una delle aziende italiane di punta del settore”. 

Inoltre l’allevamento di lumache con il metodo Madonita è un sistema ecosostenibile in quanto l’utilizzo di pesticidi e concimi chimici è ridotto al minimo e non necessita di lavorazioni complesse o di grandi quantità di carburanti o energia. Basta un piccolo impianto fotovoltaico per gestire tutto.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]