Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

La Lumaca madonita corre ancora. Anche all’estero



Lumaca Madonita, l’azienda fondata nel 2006 a Campofelice di Roccella (www.lumacamadonita.it), nel palermitano, da Davide Merlino, Michele e Giuseppe Sansone, sfruttando il know how acquisito negli anni, ha fatto nascere e avviato un centinaio di nuovi allevamenti negli ultimi 12 mesi, tra aziende e privati in Italia e all’estero. A rivolgersi a loro per far tesoro dell’esperienza acquisita in quindici anni di attività, sono stati uomini e donne under 55 ma anche giovani desiderosi di avviare la loro prima attività o, caso purtroppo sempre più frequente, persone che hanno perso il lavoro o vogliono provare a cambiare vita: l’elicicoltura in questo caso diventa una vera e propria seconda possibilità. 

“Dal 2011, anno in cui abbiamo dato il via all’attività di formazione, progettazione e consulenza ad oggi – dice Davide Merlino, responsabile commerciale dell’azienda – sono più di duemila gli allevamenti che abbiamo avviato e da circa il 90% di questi sono nate delle aziende in Italia. L’elicicoltura rappresenta però una possibilità appetibile anche all’estero: Serbia, Albania, Croazia, Grecia, Ghana, Nord Africa, Polonia, Bulgaria e Georgia. In Georgia, in particolare, stiamo lavorando con il Ministero dell’Agricoltura per dare il via ad un progetto di consulenza e formazione per nuovi allevatori, a conferma dell’interesse sempre crescente nei confronti di questo mondo”.  

Ad attrarre i nuovi imprenditori sono la versatilità e la rimuneratività del comparto. I nuovi allevamenti nascono principalmente per la produzione di chiocciole da gastronomia, che hanno un impiego sempre più diffuso e rappresentano una buona alternativa proteica alla carne o al pesce, ma sono in tanti ad essere interessati anche alla produzione della bava di lumaca, che ha un impiego sempre crescente nell’industria cosmetica e che rappresenta, a tutti gli effetti, un lavoro alternativo all’allevamento per fini gastronomici. 

Inoltre, l’elicicoltura è una valida alternativa alla tradizionale agricoltura in quanto realizzabile su quasi tutte le tipologie di terreno dotate di approvvigionamento di acqua. “Moltissimi sono stati i nuovi allevatori che hanno adoperato vecchie proprietà abbandonate trasformando in attività produttive dei terreni incolti”, dice Davide Merlino. Una scelta che soddisfa in pieno i canoni green e di sostenibilità che l’attuale economia tiene in grande considerazione.

Un settore in grande sviluppo, dunque, nel quale Lumaca Madonita, dal 2009, rappresenta la svolta innovativa. A risultare vincente nel tempo è stato, infatti, il cosiddetto “metodo Madonita”, un sistema di allevamento versatile e adattabile a tutte le realtà climatiche e territoriali messo a punto da Merlino e dai fratelli Sansone. “Il nostro sistema di allevamento – spiegano – a differenza del vecchio metodo che si usava in Italia, riesce a portare introiti già dal primo anno di produzione perché il nostro ciclo di produzione necessità di soli 9 mesi, contro i 2-3 anni del vecchio sistema. Noi valutiamo il grado di umidità del terreno, la pendenza, l’esposizione al sole, la composizione chimica del terreno stesso, le dimensioni dell’appezzamento e il nostro modello è adattabile ad allevamenti molto piccoli che non superino i mille metri quadrati ad altri molto estesi fino a 50 mila metri quadrati. Spieghiamo come lavorare il terreno, come gestire l’allevamento. Abbiamo messo insieme un sistema che è un mix di elementi usati negli allevamenti in Italia e all’estero, riuscendo a produrre grosse quantità in tempi brevi con il minor investimento possibile e un’altissima qualità del prodotto finale. Questi elementi hanno fatto la differenza sul mercato, consentendoci di diventare una delle aziende italiane di punta del settore”. 

Inoltre l’allevamento di lumache con il metodo Madonita è un sistema ecosostenibile in quanto l’utilizzo di pesticidi e concimi chimici è ridotto al minimo e non necessita di lavorazioni complesse o di grandi quantità di carburanti o energia. Basta un piccolo impianto fotovoltaico per gestire tutto.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]