Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

La Regione progetta Aerolinee siciliane, la compagnia di bandiera dell’isola



Una compagnia aerea siciliana con una missione sociale precisa: rompere l’oligopolio sulle remunerative tratte isolane con tariffe speciali per i passeggeri siciliani (studenti, over 65, pazienti che necessitano di cure, famiglie in stato di necessità).

E’ il progetto cui sta lavorando il governo della Regione siciliana guidato da Nello Musumeci e raccontato oggi da Mario Barresi sul quotidiano La Sicilia di Catania. Il dossier è già sul tavolo del presidente della Regione che sta valutando se fare proprio il progetto, magari con qualche integrazione . Secondo le indiscrezioni  riportate dal quotidiano, all’inizio sarebbe la Regione a garantire i capitali per avviare l’impresa: l’investimento iniziale è stato stimato in meno di 30 milioni per un fatturato complessivo a regime di circa 170 milioni con oltre una sessantina di voli al giorno e un totale di quattro milioni di passeggeri l’anno.

Secondo queste previsioni l’impatto occupazionale sarebbe di 600 posti di lavoro diretti e 800 nell’indotto a breve-medio termine. Lo strumento potrebbe essere Ast Aeroservizi, società partecipata dall’Azienda siciliana trasporti che gestisce già lo scalo di Lampedusa. C’è anche già più di una bozza di piano operativo e finanziario per la public company. Le basi principali, ovviamente, sarebbero quelle di Palermo e Catania e altre basi sono previste a Trapani e Comiso che dovrebbe diventare anche la sede di u mega hangar per il ricovero e la manutenzione dei veicoli.  

La filosofia alla base di quella che è già stata battezzata Aerolinee Siciliane è quella di tenere distante il socio pubblico dalla gestione operativa e il management dovrebbe rimanere fuori dalle dinamiche di lottizzazione e dunque di nominificio e dovrebbe essere pagato con stock option sulla società. Un meccanismo che punterebbe a impedire ai soci privati di socializzare le perdine chiedendo soldi alla Regione. Il piano finanziario prevede, nel medio termine, l’ingresso di un azionariato diffuso

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]