Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Mercati azionari, avvio di settimana con cautela



I mercati azionari hanno iniziato la settimana con cautela e Wall Street prevede un inizio simile.

Le azioni hanno fatto piccoli passi nei primi scambi – come abbiamo visto ripetutamente nelle ultime settimane – ma non è durato a lungo e gli indici si sono poi spostati leggermente in territorio negativo. C’è stata così tanta ansia per l’inflazione e i tassi di interesse che gli investitori sono chiaramente preoccupati di impegnarsi troppo. E questa ansia è stata esacerbata dalla prospettiva di blocchi in Europa, dopo l’annuncio dell’Austria di venerdì.

Tutto sommato, è impressionante che i mercati azionari stiano già cercando di costruire di nuovo uno slancio verso l’alto. Gli investitori stanno lottando e mantenendo il loro terreno, ma i venti contrari stanno diventando più feroci. Mentre stanno resistendo alla tempesta, per ora, temo che non sia vicina a passare e che alla fine possano essere spazzati via.

Forse il breve rimbalzo di oggi è un caso di sollievo per la Germania che non ha ancora annunciato un altro blocco, anche se sperimenta un aumento di casi simile a quello dell’Austria. I commenti del ministro della salute del paese venerdì hanno suggerito che è in considerazione. Ci potrebbe essere più riluttanza a premere il grilletto in molti paesi rispetto al passato, considerando gli alti tassi di vaccinazione e le proteste in tutta Europa questo fine settimana.

Sarà interessante vedere se l’aumento dei casi ha pesato sulle prospettive nella regione, dato che le imprese forse si preparano a restrizioni più severe. Il PMI flash può dare un’idea di ciò che le aziende si aspettano martedì, anche se potremmo dover aspettare un mese per avere un’idea più completa, dato che l’annuncio dell’Austria sembra aver preso molti alla sprovvista.

Mentre l’argomento di conversazione potrebbe cambiare verso le minacce di blocco nella prima parte della settimana, si sposterà di nuovo verso l’inflazione e i tassi di interesse man mano che procede. I verbali della Fed di mercoledì e i conti della BCE di giovedì significano che il dibattito non è mai lontano dai titoli dei giornali e questo potrebbe alimentare il disagio che stiamo vedendo.

La festività bancaria statunitense di giovedì peserà anche sui volumi e si trasformerà in un lungo fine settimana per molti da quella parte dell’oceano, il che darà la sensazione di una settimana ridotta per il resto di noi. Il trading potrebbe essere relativamente tranquillo per il resto della settimana, anche se c’è una raffica di dati nei prossimi due giorni che potrebbe ravvivare la situazione.

Il petrolio potrebbe correggere ulteriormente le restrizioni europee

I prezzi del petrolio sono in equilibrio all’inizio della settimana, ma sono stati sotto pressione nelle ultime sessioni, dato che i principali consumatori hanno discusso un rilascio coordinato di riserve e i blocchi sono tornati in Europa. Mentre ulteriori blocchi non sono garantiti, il numero di casi in alcuni paesi è preoccupantemente alto e i governi potrebbero essere tentati di seguire le orme dell’Austria.

Questo è ciò di cui l’OPEC+ ha avvertito per mesi quando è stata costretta a difendere il mancato aumento della produzione quando i prezzi sono aumentati. Ora stiamo vedendo i prezzi correggere e questo potrebbe continuare nelle prossime settimane se i paesi annunciano un inasprimento delle restrizioni.

Mentre i rilasci delle riserve continueranno ad essere discussi, potrebbero aver perso un po’ di urgenza dopo la recente correzione dei prezzi, con Brent e WTI di nuovo sotto gli 80 dollari e su una traiettoria discendente. I leader dei paesi consumatori potrebbero volere che la pressione rimanga, quindi probabilmente continueranno a parlare della prospettiva di un’azione coordinata.

L’oro affronta un grande test a 1.833 dollari

L’oro è più basso per una terza sessione consecutiva dopo aver goduto di un fantastico rally durante la prima metà del mese.  Il metallo giallo è salito su pressioni inflazionistiche più elevate mentre le banche centrali, compresa la Fed, hanno respinto una risposta politica a breve termine. Questo ha soppresso i rendimenti reali e ha spinto gli investitori verso il conforto dell’oro con copertura dell’inflazione.

Ma con l’economia statunitense che sta andando bene e il consumatore in una posizione forte, la Fed potrebbe essere meglio posizionata per tollerare tassi più alti e potrebbe adottare una posizione più hawkish il mese prossimo. Con i rendimenti dei Treasuries a breve termine in aumento, l’oro ha perso parte del suo fascino e ora affronta un grande test intorno ai 1.833 dollari, dove ha ripetutamente visto una forte resistenza durante l’estate.

Un potenziale annuncio del presidente della Fed prima del Ringraziamento e il rilascio dei verbali di novembre mercoledì potrebbero essere il catalizzatore per l’oro in un modo o nell’altro.

Quanto profonda potrebbe essere la correzione del bitcoin?

Bitcoin sta scivolando di nuovo oggi dopo aver ridotto le perdite negli ultimi giorni. Non è riuscito a tornare sopra i 60.000 dollari, anche se questo potrebbe essere un segnale ribassista a breve termine. La maggior parte delle persone sembrano essere dell’opinione a questo punto che il bitcoin non ha raggiunto il picco e nuovi massimi non sono così lontani, ma come abbiamo visto spesso in passato, le correzioni possono essere profonde e dolorose. Forse non lo stiamo vedendo ora, ma un fallimento nel tornare sopra i 60.000 dollari suggerisce che il 20% potrebbe non essere così male come lo sarà in futuro.

Craig Erlam
Senior Market Analyst, UK & EMEA, OANDA

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]