Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Messina, sindacati: “Far ripartire investimenti industriali”



Un settore, quello industriale, che deve rappresentare una risorsa per il territorio. Cgil, Cisl e Uil di Messina rilanciano la necessità di un confronto territoriale unitario e costante che analizzi e strutturi proposte a supporto delle attività industriali con, al centro, l’area della Raffineria Mediterranea di Milazzo. I segretari generali Giovanni Mastroeni, Tonino Genovese e Ivan Tripodi, insieme ai responsabili dei comparti, hanno avviato una serie di confronti con le realtà sul territorio per creare un fronte compatto e unitario tra lavoratori diretti delle industrie e quelli dell’indotto per affrontare nel merito tutte le questioni che saranno oggetto anche delle annuali e consuete riunioni programmatiche sugli investimenti dei grandi siti industriali presenti in provincia di Messina come A2A e Raffineria di Milazzo. Cgil, Cisl e Uil ritengono, quindi, necessario anche un confronto con Sicindustria Messina sul futuro dei siti industriali della provincia.

«Dobbiamo – sottolineano – lavorare unitariamente per rendere il territorio sempre più attrattivo per incentivare gli investimenti senza alcuna speculazione ambientalista o politica e senza pregiudizi ma solo per creare valore aggiunto che porti ricadute economiche e sociali sul territorio con industrie sempre più ecocompatibili e sicure per la popolazione ed i lavoratori. Alla base di questo ragionamento ci sono anche investimenti importanti, come da sei anni a questa parte i sindacati hanno chiesto ed ottenuto, a tutela dell’ambiente e dell’occupazione, aspetto non da poco in un territorio devastato come quello messinese. Una condizione che non riscontriamo in tutte quelle aree di competenza di enti pubblici. L’industria messinese deve essere rilanciata con battaglie per gli investimenti e l’infrastrutturazione del territorio, non con polemiche che non hanno una visione strategica e che disincentivano l’interesse e portano alla desertificazione del territorio, con una grave ricaduta economica e sociale. Cgil, Cisl e Uil reputano indispensabile la difesa e lo sviluppo dell’apparato industriale coniugando ambiente e lavoro, temi che – tra gli altri – saranno al centro dello sciopero programmato alla Ram per il prossimo 8 marzo».

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]