Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Nasce l’Osservatorio economico-sociale sulla Sicilia



Un Osservatorio economico-sociale permanente sulla Sicilia con l’obiettivo, tra gli altri, di supportare l’amministrazione regionale nelle decisioni di politica economica. E’ il frutto dell’accordo tra Irfis-FinSicilia, la finanziaria regionale, e la Svimez. L’accordo è stato firmato a Palazzo d’Orleans dal direttore della Svimez Luca Bianchi e dal presidente dell’Irfis Giacomo Gargano. “Stiamo lavorando – ha spiegato il governatore Nello Musumeci – per modernizzare la Sicilia e trasformarla in una regione realmente europea, e i dati che ci aspettiamo di ricevere dall’Osservatorio potranno esserci d’aiuto nella messa a punto di misure economiche in grado di trasformare la nostra Isola, da terra di emigrazione, in terra di immigrazione”.

Ecco come funzionerà l’Osservatorio economico-sociale

L’attività della Svimez si svolgerà su tre livelli di intervento: realizzazione di analisi quadro e di scenario sull’economia e la società siciliana; stima dell’impatto territoriale delle principali misure di politica economica nazionale e regionale; ricognizione dei fabbisogni economici e sociali della Regione per rilanciare il comparto economico e produttivo. I rapporti, che saranno pubblicati dall’Osservatorio con cadenza trimestrale a partire dal prossimo mese di dicembre, diventeranno uno strumento fondamentale per progettare le politiche necessarie allo sviluppo dell’imprenditoria e per misurarne l’efficacia.

“Vogliamo costruire strumenti di analisi e di riflessione sul territorio – ha sottolineato Luca Bianchi -. Questo sarà, dunque, un periodo di accompagnamento finalizzato a identificare se le politiche messe in atto anche con le risorse esistenti, sia dei fondi nazionali che regionali, sono coerenti con l’obiettivo che noi tutti abbiamo e che è quello di aumentare l’occupazione e ridurre la piaga ormai devastante dell’emigrazione”.
“L’obiettivo – ha spiegato il presidente dell’Irfis, Giacomo Gargano – è quello di mettere a punto una lente di ingrandimento sulle esigenze dell’economia siciliana per calibrare le politiche di sviluppo del Governo regionale e creare nuovi strumenti finanziari da parte di Irfis”.

Da Irfis un fondo di 84 milioni per le imprese

Un fondo di 84 milioni destinato a finanziare le imprese siciliane. E’ la dotazione del Fondo Sicilia rimasto bloccato per quasi trent’anni e ora rimesso in moto dall’Irfis-FinSicilia, la finanziaria regionale di cui è presidente Giacomo Gargano. Il fondo sarà operativo entro un mese, ha annunciato il presidente dell’Irfis a margine della presentazione dell’accordo con la Svimez per l’istituzione di un Osservatorio economico-sociale sulla Sicilia. “Si tratta di un fondo – ha spiegato Gargano – destinato a finanziare le imprese che stanno ai margini, anche quelle in default purché presentino un piano industriale credibile e concreto. Sono previsti prestiti fino a 10 anni con tre anni di preammortamento e un tasso tra lo 0,2 e lo 0,3%. Sia chiaro: Irfis non vuole sostituirsi alle banche, non ha alcun intenzione di regalare il denaro: saranno sostenute e finanziate le imprese che ancora possono stare sul mercato”. “Va considerato – ha aggiunto l’assessore regionale all’Economia Gaetano Armao, cui si deve il lavoro politico che ha portato allo sblocco del Fondo, – che in questo caso c’è un moltiplicatore pari a 8 quindi gli investimenti che si possono generare sono molto più alti degli 84 milioni disponibili”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]