Naturalmente Sicilia:la promozione del territorio parte dai prodotti della terra
Press "Enter" to skip to content

Naturalmente Sicilia:la promozione del territorio parte dai prodotti della terra

Promuovere il territorio attraverso le eccellenze gastronomiche, partendo da ciò che la terra offre per poi proporre, grazie a chef sempre più creativi e preparati, delle portate uniche ed irripetibili. “Naturalmente Sicilia- Gusto a Km 0”, progetto ideato e curato da Teleradioregione, va in questa direzione partendo proprio dalla valorizzazione dei produttori: dall’ortofrutta alla carne passando per il pesce. Naturalmente Sicilia, che è anche un format televisivo, è una iniziativa che punta- così come spiegato anche dall’amministratore unico di Videoregione Marco Raddini e dal responsabile del progetto Carmelo Cappuzzello–  in un certo modo, ad invogliare i ristoratori a proporre all’interno dei loro locali i prodotti a km 0. In un piatto possono essere rappresentate storie e tradizioni del territorio, per questo diventa importante che, in un’ottica di promozione turistica, vengano inclusi anche i prodotti tipici che, paradossalmente, sono molto richiesti fuori Regione e nel mondo, ma che forse ancora sono poco valorizzati nei ristoranti del posto. Siamo sicuri che quando nei menu leggiamo “carne di vacca modicana” o “maialino dei Nebrodi” ci venga dato davvero quel prodotto? E’ un interrogativo che si pone Giuseppe Licitra, del “Consorzio Razza Modicana”, una realtà nata di recente per cercare di salvare una razza purtroppo in via d’estinzione. “Per tale motivo – ha spiegato lo stesso Licitra- abbiamo aderito al progetto, perché riteniamo che in qualche modo bisogna fare una azione di educazione alla qualità partendo proprio dai nostri ristoratori”. Sono 14 in questo momento i ristoratori che hanno aderito a Naturalmente Sicilia, si tratta di una campagna che permette ai consumatori finale di beneficiare di una scontistica sul pranzo o una cena avendo anche la possibilità di dare dei giudizi su alcuni parametri relativamente al servizio e alla qualità del menu. “Questa- ha spiegato ancora Raddini- per i ristoratori è una bella sfida, ricevendo dei feedback avranno modo di capire dove poter ancora migliorare puntando sempre più all’eccellenza”.

(Visited 197 times, 1 visits today)

Be First to Comment

    Lascia un commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.