Shadow

Open Data Sicilia: “Open Data garantiscono trasparenza e rispetto per i cittadini”

E’ un appello e arriva dalla comunità di Open Data Sicilia: “Se la Regione Siciliana pubblicasse la documentazione sull’intero ciclo del dato, insieme a dati sanitari più ricchi e meno aggregati territorialmente, riuscirebbe in un solo colpo a mettere dei paletti importanti al ripetersi di episodi – se verificati – come quelli di questi giorni; rispettare il diritto della cittadinanza a essere informata e rendere maturo e moderno il rapporto tra le parti. E se lo facesse, sarebbe la prima regione in Italia, sarebbe un bene per tutte e tutti”.

Lo sostengono i componenti della comunità di Open Data Sicilia, nata nel 2013 come comunità della società civile con lo scopo di favorire e supportare la diffusione della trasparenza come prassi, specie nella pubblica amministrazione, e degli open data (dati aperti) come principale strumento per attuarla, sin dall’inizio della pandemia nel 2020 si è prodigata per chiedere la diffusione dei dati epidemiologici in formato aperto e machine readable, sia a livello nazionale che regionale. I componenti della comunità avevano già segnalato errori nei dati pubblicati dalla Regione siciliana (ultima volta l’11 marzo scorso, con una lettera aperta disponibile su http://opendatasicilia.it/) mentre a luglio, quando è stato necessario il ricalcolo dei dati, un lungo intervento pubblicato sullo stesso sito metteva nero su bianco tutti gli errori finora compiuti dagli uffici dell’assessorato. Appelli inascoltati e caduti nel vuoto. Alcuni dei quali hanno anche avuto risposte beffarde “stiamo salvando vite umane in questo momento”. ha tentato di interloquire in vari modi e in diverse occasioni con le autorità sanitarie regionali. La comunità, si legge in una nota a commento dell’inchiesta di Trapani, “ha indirizzato lettere aperte e segnalato situazioni di errore nei dati pubblicati, mettendo, al contempo, a disposizione gratuitamente delle stesse autorità il tempo e le competenze dei suoi membri. Sono anche queste le premesse che l’hanno portata ad aderire convintamente alla campagna nazionale #datiBeneComune che persegue a livello nazionale le medesime finalità”.

Leggi anche  App Bancoposta per gestire buoni e libretti postali anche su smartphone

Open Data Sicilia chiede pertanto “che venga reso noto l’intero processo di pubblicazione dei dati sanitari COVID-19, ovvero l’insieme dei meccanismi e protocolli utilizzati all’interno del proprio modello organizzativo per tutti gli aspetti legati alla raccolta, produzione, trattamento, aggiornamento e rilascio dei dati online”. Un lavoro “presupposto essenziale di ogni democrazia moderna”. “La documentazione del processo di generazione, gestione e pubblicazione del dato sanitario dell’emergenza sanitaria COVID-19 è un passo propedeutico per la trasparenza dell’azione amministrativa della Regione Siciliana, in assenza del quale, ogni numero reso pubblico non può essere attendibile”, si legge nella nota. Un lavoro che, se fatto, metterebbe la Sicilia all’avanguardia. Un ottimo punto di ripartenza dopo quello che è accaduto ieri.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.