Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Ragusa, giudice blocca asta giudiziaria per prezzo vile



Ragusa – A Ragusa il giudice blocca un’asta giudiziaria per eccessivo ribasso.  Il giudice Claudio Maggioni verificata l’effettiva sussistenza del cosiddetto ‘prezzo vile’, e accogliendo l’istanza dell’avvocato Giuseppe Nicosia  ha sospeso la vendita di un’azienda e dei fabbricati civili  di un assistito dello studio legale Nicosia.   Un provvedimento, quello adottato dal Tribunale di Ragusa,  giudicato davvero importante: il tribunale ibleo insieme ai fori di Milano e Napoli, è all’avanguardia in materia di estinzione e sospensione delle aste giudiziarie, nel caso in cui si verifichino eccessivi ribassi.

Questa decisione segue un recentissimo provvedimento di un altro giudice del Tribunale di Ragusa, Fabrizio Cingolani che in un caso simile, riguardante terzi interessati, ed avente quale ulteriore incongruenza l’eccessiva durata del processo, ha dichiarato estinta la relativa procedura esecutiva.

Il Tribunale civile di Ragusa, quindi, riconoscendo la validità di correttivi giuridici al sistema delle aste, quando queste subiscono distorsioni temporali ed economiche, assume oggi una posizione d’avanguardia e, soprattutto ‘umanizzante’  nei confronti di procedure che, talvolta, appaiono eccessivamente penalizzanti per coloro che vedono messi all’asta i loro beni primari come la prima casa o l’azienda.

“Questo certo non vuol dire che non si debbano onorare i propri debiti e che le ragioni del creditore non debbano trovare le giuste tutele – dice l’avvocato Nicosia -: anzi sono necessari procedimenti più celeri e satisfattivi per chi reclama un giusto ed equo credito. Ma quando le procedure esecutive, per lungaggine o per l’eventuale speculazione derivante da eccessivi ribassi, appaiono inadeguate a soddisfare sia le legittime aspettative dei creditori, quanto gli altrettanto legittimi interessi del debitore a non vedersi spogliato ed aggredito a ‘prezzo vile’ dei suoi beni più utili, è importante che esista una giustizia umana che tuteli i valori della vita sociale. Per questo penso che tale precedente giudiziale potrà servire ad assicurare tempi più celeri e procedure più eque e potrà, soprattutto, concorrere a dare risposte a quelle esigenze nate in un’economia falcidiata dalla esecuzioni immobiliari, e a tutelare un bene primario qual è la prima casa, che non va svenduta a prezzi totalmente inadeguati”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]