Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Regione siciliana: tra disavanzo e debiti un peso da 13,6 miliardi fino al 2048



I disavanzi della Regione siciliana analizzati in visione prospettica, per le refluenze che avranno sulle future generazioni, rivelano un dato drammatico: i cittadini siciliani dovranno fronteggiare fino al 2048 disavanzi per 12,460 miliardi e se vi si aggiunge l’ammontare del debito residuo della Regione si arriva a 13,655 miliardi.

E’ in sintesi la conclusione cui arriva la commissione di esperti nominata dall’assessore all’Economia Gaetano Armao:  i quattro (l’ex dirigente generale del dipartimento Bilancio della Regione Giovanni sapienza, Maria Esmeralda Bucalo che è docente di diritto costituzionale all’Università di Palermo, Riccardo Compagnino che è esperto di controllo di conti pubblici e Raffaele Mazzeo anche lui esperto in controllo di conti pubblici) hanno approfondito le cause del disavanzo della Regione siciliana e nelle conclusioni della relazione consegnata all’assessore scrivono: “Non può non rappresentarsi l’elevato importo che dovrà essere coperto nei futuri esercizi fino al 20148, in base agli attuali piani di copertura, pari a 8,368 miliardi. Aggiungendo a tale importo l’ammontare dei disavanzi generati negli esercizi precedenti al 2018, già iscritti in bilancio (4,092 miliardi), si perviene a un totale dei disavanzi a carico della Regione pari a 12,460 miliardi”.

UMa non è finita perché poi i quattro esperti aggiungono: “Ove all’importo di 8,368 miliardi per disavanzi a carico degli esercizi 2018 e seguenti, si volesse aggiungere l’ammontare del debito residuo per mutui e prestiti obbligazionari determinato alla fine dell’esercizio 2017, pari a 5,287 miliardi (al netto delle anticipazioni di liquidità), si perverrebbe a un totale complessivo di oneri a carico degli esercizi successivi al 2017, pari a 13,655 miliardi, che graverebbe pesantemente sulle future generazioni”. E ancora: “Le modalità con cui recuperare il disavanzo in relazione all’entità rilevante dell’importo incidono inevitabilmente sugli investimenti e producono rilevanti effetti sull’attuazione di politiche finanziarie e fiscali per la crescita in Sicilia”.

Tra l’altro possibili futuri approfondimenti sarebbero necessari visto che la commissione, si legge nella relazione, “non ha potuto prendere visione della documentazione analitica disponibile presso i vari assessorati relativa alla cancellazione o rimodulazione dei residui in sede di accertamento straordinario 2015, a supporto della delibera di Giunta 204 del 10 agosto 2015”. Non è stato possibile poi acquisire, scrivono gli esperti, il documento “inerente alla rinuncia ai contenziosi con lo Stato in materia finanziaria, documento consegnato dal precedente assessore ai deputati dell’Ars”. E sono rimaste prive di chiarimenti richiesti alcune tabelle allegate alla relazione della Regione al rendiconto per l’esercizio 2017 e alla nota integrativa al Bilancio di previsione per il triennio 2019-2021.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]