Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.



Rischi per caldo, altra sentenza per rider Palermo

Il giudice di Palermo, Giuseppe Tango, ha accolto il ricorso di urgenza presentato da un rider di Uber, Dario Distaso, assistito dai legali di Nidil Cgil Giorgia Lo Monaco, Matilde Bidetti, Carlo De Marchis Gomez, per le condizioni di lavoro durante il periodo estivo, che per il rider si traduce in lunghe ore in bici o in moto esposti al sole per effettuare le consegne a domicilio.

rider

Lo dice il sindacato. L’ordinanza è scaturita dalle stesse esigenze e richieste avanzate con il ricorso vinto il 3 agosto scorso da un rider palermitano di Glovo che chiedeva la fornitura di dispositivi di sicurezza per affrontare le alte temperature: acqua, soluzione di sali minerali e protezione solare. L’elemento di novità importante di questa sentenza – dice Nidil cgil – è rappresentato dalla condanna per Uber-Eats ad effettuare una specifica valutazione del rischio da esposizione ad ondate di calore, e delle conseguenti misure necessarie per la tutela della incolumità del rider, e alla prevenzione dei rischi lavorativi ai quali i ciclo fattorini sono esposti.

“Questo significa che la portata del provvedimento, una volta modificato il documento di valutazione dei rischi (Dvr) dell’azienda, sarebbe ampia: investirebbe tutta la flotta di corrieri del colosso americano del delivery – dicono Andrea Gattuso, segretario generale Nidil Cgil Palermo e Fabio Pace di Nidil e Filt Cgil Palermo – Oltre a questo, il giudice obbliga Uber ad effettuare la formazione sulla sicurezza al rider, sui rischi correlati all’attività di consegna implicante sforzi fisici con esposizione prolungata alle ondate di calore e ai raggi solari”.

“Questa ordinanza – proseguono – è l’ennesima conferma, a pochi giorni di distanza, che il testo unico sulla Sicurezza va applicato integralmente anche a lavoratori come i rider che sono inquadrati come autonomi. E va nella direzione, da sempre indicata dalla nostra organizzazione sindacale, della necessità di garantire la tutela della salute e della sicurezza a dei lavoratori che per la tipologia del lavoro svolto sono esposti a rischi molto gravi per una paga spesso misera”. “Inoltre, insieme alla precedente – concludono i due rappresentanti di Nidil Cgil Palermo – l’ordinanza obbliga a una riflessione seria sia le aziende del deliver che la politica impegnata nella competizione elettorale sulle condizioni di lavoro dei rider che di fatto, con pochissimi diritti e contratti precari, e pagati qualche euro a consegna, generano per le multinazionali del delivery fatturati miliardari nel nostro Paese”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Un milione e 100 mila euro per adeguare gli impianti elettrici di tre dighe in Sicilia, tutte nell’Ennese. Lo prevede un bando del dipartimento dell’Acqua e dei rifiuti pubblicato sul sito istituzionale della Regione Siciliana. In particolare, nella diga Olivo, in contrada Gritti a Piazza Armerina, verranno eseguiti lavori su distribuzione esterna, cabina elettrica, due gruppi […]

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]