Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Riscossione Sicilia, Fiumefreddo: “Temo seriamente per la mia vita”



Ha affidato il messaggio a Facebook. Ed è un messaggio di allarme. A scrivere è Antonio Fiumefreddo, avvocato penalista, amministratore di Riscossione Sicilia, autore in questi mesi di denunce, pubbliche e non solo, sulla gestione della riscossione dei tributi in Sicilia. “La solitudine di queste ore mi spaventa – scrive Fiumefreddo-. Ora temo seriamente per la mia vita”. Un allarme che è stato raccolto da Massimo Giletti conduttore delle’Arena su Rai 1, la trasmissione che più volte si è occupata del caso. Lo stesso Giletti ha detto: “Io stesso ho subito pressioni”.  

Ma torniamo. Fiumefreddo: “Sento parlare di obiettivi da colpire e poi di ritorsioni, ed ancora di vendette – dice l’avvocato -. È un linguaggio scomposto ed inquietante.  Ed infatti, solo chi sa di aver fatto qualcosa deve temere l’azione della Magistratura così come solo chi è abituato ad usurpare il potere a proprio vantaggio può parlare di ritorsioni. Questa reazione compatta del potere mi conferma che si è sulla strada giusta e cioè che c’è un sistema, un grumo, che da sempre tutela trasversalmente il potere dell’Isola. Scardinare questo sistema è un dovere. Lo dobbiamo ai cittadini normali che rispettano la legge e che chiedono giustizia ed uguaglianza. La solitudine di queste ore mi rafforza nel proposito ed insieme mi spaventa. Ora temo seriamente per la mia incolumità”.

L’altroieri Fiumefreddo aveva affidato il suo sfogo a Mario Barresi, cronista del quotidiano La Sicilia: «Quando dicevo di manine che aiutavano deputati regionali, dicevo il vero. Le indagini confermano altresì che non ci sono più zone franche per nessuno – ha detto Fiumefreddo – e per questo ringrazio ancora una volta il procuratore Zuccaro per l’attenzione dedicata dal suo ufficio ai reati contro la pubblica amministrazione».

E ha aggiunto: «A Catania è accaduto quello che è accaduto, ma lo stesso si è ripetuto anche in altre province». Le indagini sui 9 dipendenti etnei sarebbero «soltanto la punta dell’iceberg». Perché il capo di Riscossione ha presentato esposti a diverse Procure siciliane, in cui ci sarebbero «analoghi trattamenti» ad almeno altri 20 deputati regionali, fra i quali altri due (uno di maggioranza e uno di opposizione) anche nella denuncia che riguarda Catania. Bisognerà vedere se e come queste altre carte, «tutte contenti verifiche puntuali, con il medesimo scrupolo di quelli che hanno dato il via all’indagine di Catania», avranno il medesimo riscontro. Il mantra: «La sporcizia va denunciata e le cose vanno cambiate».

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]