Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Scuola, ricostruzione di carriera: prima conferma da Corte di Appello di Genova



Scuola: su un ricorso vinto dai legali dell’Anief, con sentenza n. 246/16, viene respinto l’appello del Miur. Confermato, pertanto, il riconoscimento di tutto il servizio pre-ruolo tra il 1986/1997 ad una docente che ha contestato il decreto emesso nel 2008 che le assegnava 9 anni rispetto ai dieci svolti. L’amministrazione e’ stata condannata al pagamento di 5mila euro di risarcimento e spese legali‎. Disapplicata, ancora una volta, la normativa nazionale perché in contrasto con la direttiva Ue e il principio di non discriminazione. E’ possibile ancora ricorrere al seguente link per tutto il personale di ruolo con più di quattro anni di precariato.

scuola

Ancora una volta confermata l’azione promossa dai legali dell’Anief (Augusto, Ganci, Miceli) che difendono in appello la sentenza positiva di primo grado ottenuta presso il tribunale di Genova in uno dei primi ricorsi già discussi sul problema della ricostruzione di carriera del personale delle istituzioni scolastiche. L’attuale normativa disciplinata dall’art. 485 del dlgs. 297/94 come ripresa anche dal Ccnl 2006/9, infatti, prevede una procedura di raffreddamento della carriera per chi, neoimmesso in ruolo, ha svolto servizio da supplente per più ‎di quattro anni. I due terzi del servizio sono riconosciuti per intero, mentre un terzo dello stesso e’ congelato per metà carriera ritardando il passaggio da un gradone all’altro, ovvero la maturazione del successivo scatto di anzianita’. Una norma in vigore da trent’anni e mai contestata dai sindacati prima dell’azione seriale promossa dall’Anief che ha denunciato la violazione della clausola 4 della direttiva 70/99 della UE e del relativo principio di non discriminazione.

E i giudici di primo grado e ora, anche di appello, hanno dato ragione ai legali dell’Anief, annullando il relativo decreto di ricostruzione di carriera e ordinando il riconoscimento di tutto il servizio pre-ruolo anche se svolto con supplenze brevi e saltuarie in ragione di quanto già deciso dalle sentenze della Corte di giustizia europea del 13 settembre 2007 e del 10 ottobre 2012. Non esistono, infatti, ragioni oggettive per discriminare la valutazione del servizio svolto a tempo determinato nella progressione di carriera del personale della scuola. E ora, si prevedono migliaia di ricorsi dopo che il sindacato aveva già ricevuto centinaia di adesioni negli anni scorsi.

Per informazioni o adesioni al ricorso vai al seguente link. Possono essere impugnati tutti i decreti di ricostruzione di carriera emessi negli ultimi dieci anni.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]