Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Teatro, consenso a Catania per Sperduti nel buio alla Sala Di Martino



Ancora tre appuntamenti al 28, 29 e 31 marzo per questo nuovo spettacolo al debutto lo scorso 9 marzo presso la Sala Di Martino a Catania, che, sin qui al completo in tutte le date, ha dovuto aggiungere due repliche al programma per far fronte alle richieste del pubblico. Sperduti nel buio (‘ntra lustru e scuru) è stato scritto da Nino Bellia e messo in scena dalla nuova produzione del Centro Teatrale Fabbricateatro sotto la regia di Elio Gimbo.

Una pièce tragicomica che rinverdisce la tradizione del teatro popolare etneo di alcuni suoi illustri rappresentanti, così come la particolare ironia che ancora sopravvive nelle espressioni dialettali dei quartieri più “popolani”. Catania, città di luci e ombre, è protagonista assoluta nella sua compagine popolare, culturale, civica e non da ultimo teatrale.

Sulla scena di Sperduti nel buio convivono il grande Nino Martoglio (1870-1921, giornalista, scrittore, poeta, regista) redivivo per un giorno insieme ad alcuni personaggi della sua produzione (Don Procopio ‘Mballaccheri e Cicca Stonchiti, personaggi bandiera dei suoi Civitoti), Pippo Fava (cronista testimone della Catania moderna avvilita dalla mafia) e non da ultimo Peppenino, maschera comica dell’Opera dei Pupi catanese.

Alla recitazione di bravi attori quali Cosimo Coltraro (Don Procopio ‘Mballaccheri), Giuseppe Carbone (Nino Martoglio e Pippo Fava), Cinzia Caminiti e Sabrina Tellico (enrambe nel ruolo di Cicca Stonchiti), lo spettacolo, infatti, abbina la marionettistica dei Fratelli Napoli (in scena Marco Napoli e Fiorenzo Napoli). Per mano loro, Peppenino e il Diavolo accompagnano Nino Martoglio negli inferi della città etnea.

Sullo sfondo della scena, Catania compare nelle immagini-video elaborate da Gianni Nicotra.

Lo scorcio di quasi un secolo intervalla la vita di Martoglio e di Fava, accomunati nel mistero della morte, giacchè se nota è la fine di Pippo Fava freddato da cinque proiettili nel 1984 davanti al Teatro Verga di Catania, anche sulla morte di Martoglio  – a seguito di una caduta nella tromba dell’ascensore dell’Ospedale Vittorio Emanuele, in costruzione – grava il sospetto che non sia stata accidentale quanto dolosa.

Inoltre, e non meno efficaci, il canovaccio della di Sperduti nel buio prevede degli intermezzi canori eseguiti da Cinzia Caminiti (curatrice di Schizzid’Arte – Teatro Musica Laboratori), che li ha scelti e presi a prestito da Frontini, Maestro Riela, Mancuso e Li Causi. Sono «autori colti che agirono nella Catania del primo Novecento e insieme a Nino Martoglio la narrarono e la musicarono», dichiara la stessa. «L’esecuzione a cappella è anch’essa una scelta voluta – prosegue Cinzia Caminiti – [… ] così che il canto nudo e crudo diventi la voce di tutte le “civite”, di tutte le Cicca Stonchiti e i Don Procopio e i Peppininu del mondo».

All’eclettismo di associare più generi, la pièce aggiunge un doppio profilo linguistico e letterario: battute in prosa col linguaggio forbito di Nino Martoglio e versi in rima baciata nel dialetto civitoto di Don Procopio. Rivive il doppio della Catania amata/odiata, fuggita/rimpianta.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]