Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Terremoti, sicurezza scuole: le proposte di #Cataniasicura



Catania – Il quarto incontro di #CataniaSicura, l’iniziativa di Ance Catania che chiama a raccolta istituzioni, accademici e tecnici per condividere modelli e soluzioni sull’emergenza terremoto, è iniziato con la proiezione del servizio de Le Iene “Scuole e terremoto: i nostri ragazzi sono al sicuro?” (andato in onda domenica 19 febbraio), che ha visto coinvolti i comuni di Teramo, Giulianova e Ascoli.

Un’inchiesta sul tema scottante della sicurezza nelle scuole, che ha dato voce ai genitori e insegnanti, e alle paure che quotidianamente vengono affrontate a ogni suono di campanella, soprattutto nelle zone terremotate. «Siamo nuovamente riuniti – ha detto il presidente Ance Catania Giuseppe Piana – per condividere una delle questioni più annose per un territorio altamente sismico come il nostro: il livello di vulnerabilità degli edifici pubblici, affollati ogni giorno da migliaia di studenti». Dopo lo studio finanziato dai Costruttori edili del capoluogo etneo, e condotto dall’Imperial College di Londra e dall’Università di Catania, in merito ai modelli da applicare per la messa in sicurezza degli edifici – che ha dato vita a un documento strategico che verrà presto consegnato al Governo – il focus continua dunque sulle scuole, sempre in un’ottica di prevenzione e rigenerazione urbana.

A lanciare una proposta che ha messo d’accordo tutti i presenti, è stato l’assessore comunale alle Infrastrutture e Lavori Pubblici Luigi Bosco, che è partito da una reale esigenza del territorio e delle istituzioni emersa di recente a seguito di alcune verifiche – con esito positivo – eseguite sullo stato di salute di 30 edifici scolastici della città: «È necessario un modello di standardizzazione delle verifiche da applicare alle varie tipologie e tecniche costruttive concretamente riscontrabili – ha detto Bosco – che consenta di utilizzare gli stessi parametri per tutte le strutture, al fine di avere rilievi e sondaggi comparabili con un unico indice che permetta di valutare l’insieme dei possibili effetti in termini di danni attesi. Uno schema predefinito che possa essere inserito nel disciplinare di gara, consentendo di effettuare misurazioni con un codice univoco, studiando gli elementi di ripristino più opportuni».

Una richiesta accolta favorevolmente dagli autorevoli rappresentanti del Dicar (Dipartimento Ingegneria Civile e Architettura) Ivo Caliò e Paolo La Greca (anche presidente Istituto nazionale di Urbanistica Sicilia) e da tutti gli attori della filiera che hanno partecipato al tavolo di lavoro.

«Nei prossimi giorni sottoporrò il progetto al Consiglio direttivo di Ance Catania – ha continuato Piana – sono certo che condivideranno l’importanza strategica di un documento che chiarisce e affina quanto prescritto dalla normativa sulla valutazione della vulnerabilità sismica degli edifici strategici e rilevanti, individuando quali siano  i metodi di analisi più adeguati da utilizzare». Le verifiche possono essere condotte con diversi gradi di approfondimento e complessità di calcolo: da stime squisitamente qualitative, basate sul rilievo mediante schede delle principali caratteristiche degli elementi costitutivi dell’edificio, a complesse analisi numeriche mediante diversi metodi di calcolo e modellazione.

«Questo protocollo consentirebbe di giungere a considerazioni preliminari omogenee grazie all’uso di modelli affidabili e validati – ha concluso Piana – e i risultati ottenuti potranno essere confrontati e utilizzati per stabilire l’ordine di priorità sui successivi interventi di adeguamento o miglioramento».

Erano presenti all’incontro: il vice presidente Ance Catania Marcello La Rosa; il presidente dell’Ordine Architetti Giuseppe Scannella; il presidente del Collegio Geometri Paolo Nicolosi; il presidente del Centro di documentazione, ricerca e studi sulla Cultura dei Rischi Antonio Pogliese; il presidente di Inarch Sicilia Ignazio Lutri; il consigliere dell’Ordine regionale Geologi Antonio Cubito; il broker assicurativo Diomede Tortora e l’avv. Francesco Faro.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]