Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Zes in Sicilia, lunedì stop alla presentazione delle domande



 I Comuni siciliani hanno ancora pochi giorni a disposizione per presentare la domanda per chiedere l’inserimento del proprio territorio in una delle due Zes, le Zone economiche speciali istituite dal governo Musumeci. Il termine per le istanze – che devono essere indirizzate al dipartimento delle Attività produttive – è lunedì 9 settembre. Sono 462 gli ettari ancora da attribuire. Mentre sono già stati identificati e delimitati i 1.690 della “Zes Sicilia occidentale” e i 3.422 della “Zes Sicilia orientale”.

«Si tratta – sottolinea il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci – di un’opportunità straordinaria per creare sviluppo e un’economia forte nei nostri territori che potranno in tal modo offrire alle aziende condizioni vantaggiose per gli investimenti attraverso il credito d’imposta, gli sgravi fiscali, le agevolazioni sul lavoro e gli ammortamenti».

 

Nelle candidature specifico riferimento a una delle due Zes

Le candidature dovranno fare specifico riferimento a una delle due Zes e le aree, obbligatoriamente non residenziali, dovranno configurarsi come porto, retro-porto anche di carattere produttivo e aeroportuale, piattaforma logistica o interporto. Spetterà all’ente proponente dimostrare che l’area candidata possegga un nesso economico funzionale con l’area portuale. Tra i criteri di preferenza, in fase di valutazione delle domande, la presenza di uno snodo ferroviario, di parcheggi e di illuminazione pubblica.

«E’ uno strumento – conclude il governatore Musumeci – che abbiamo messo a punto con il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati. Dopo che il precedente governo lo aveva praticamente ignorato. Passa anche da qui la difficile sfida per colmare il gap che ancora esiste tra il Nord e il Sud del Paese».

L’avvio delle Zes è molto atteso dagli imprenditori siciliani i quali ritengono che la partenza delle Zone economiche speciali possa attrarre nuovi investimenti nell’isola. Di fatto, però, tra i tecnici c’è chi storce il naso. A una prima lettura delle misure previste, secondo alcuni, non vi sarebbero poi così tanti vantaggi aggiuntivi rispetto a quelli già in essere.

Gela, Sicindustria: “Inserire aree dismesse Eni nella Zes”

“Estendere il perimetro della Zes di Gela anche all’area retroportuale e a quelle dismesse all’interno della raffineria Eni e delle zone D2, lungo la Gela-Catania”. È questa la richiesta inoltrata oggi da Gianfranco Caccamo, reggente di Sicindustria Caltanissetta, al tavolo convocato dal vicesindaco di Gela, Terenziano Di Stefano. L’obiettivo è di chiedere alla Regione l’ampliamento della perimetrazione locale. Lunedì scadrà il termine per partecipare al bando che mette a disposizione altri 462 ettari mentre sono già stati identificati e delimitati i 1.690 della “Zes Sicilia occidentale” e i 3.422 della “Zes Sicilia orientale. “Il confronto di oggi – aggiunge Caccamo – è stato importante. L’obiettivo deve essere quello di attrarre investimenti soprattutto in zone che hanno già un’alta vocazione all’industria e Sicindustria sta dando il proprio contributo in tal senso”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]