Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

APe aziendale, ecco come funziona andare in pensione



L’APe aziendale consentirà la pensione anticipata a 63 anni, grazie all’accordo tra il lavoratore e il datore di lavoro che si fa carico degli oneri finanziari.
E’ una delle tre tipologie di anticipo pensionistico che è stato previsto dalla nuova riforma delle pensioni inserita nella Legge di Bilancio 2017: l’APe aziendale si affianca all’APe Volontaria e all’APe Social. L’APe aziendale riguarda qui lavoratori che accedono a questo tipo di assegno previdenziale anticipato nell’ambito di una ristrutturazione aziendale. In questo caso il trattamento è a carico dell’azienda, che versa all’INPS una contribuzione correlata alla retribuzione percepita prima della cessazione del rapporto di lavoro, in modo da produrre un aumento della pensione tale da compensare gli oneri relativi alla concessione dell’APe.

I requisiti per l’APe aziendale

I requisiti per l’accesso all’APe aziendale sono uguali a quelli  dell’APe volontaria: aver compiuto 63 anni ed avere almeno 20 anni di contributi versati. A differenza dell’APe volontaria, nell’APe aziendale parte della penalizzazione di assegno sarà a carico dell’azienda. Il dipendente deve quindi accordarsi sull’APe aziendale con il datore di lavoro, il quale dovrà impegnarsi a a sostenere interamente i costi dell’APe al secondo. Avere spostato l’onere dell’APe aziendale sulle imprese ha lo scopo di favorire l’uscita flessibile dal mercato del lavoro, contenendo i costi da sostenere da parte dello Stato.

I datori di lavoro del settore privato possono, con il consenso del lavoratore, incrementare il montante contributivo individuale versando all’Inps, in un’unica soluzione, un contributo non inferiore all’importo della retribuzione percepita dal lavoratore prima del pensionamento  per ciascun anno o frazione di anticipo rispetto alla maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia.

Grazie a questo meccanismo il lavoratore potrà contare su un assegno pensionistico maggiore al momento del raggiungimento dell’età pensionistica e con tempi più brevi per la restituzione dell’anticipo pensionistico. La compensazione dei contributi potrà coprire da sei mesi ad un massimo di tre anni e sette mesi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]