Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

APe aziendale, ecco come funziona andare in pensione



L’APe aziendale consentirà la pensione anticipata a 63 anni, grazie all’accordo tra il lavoratore e il datore di lavoro che si fa carico degli oneri finanziari.
E’ una delle tre tipologie di anticipo pensionistico che è stato previsto dalla nuova riforma delle pensioni inserita nella Legge di Bilancio 2017: l’APe aziendale si affianca all’APe Volontaria e all’APe Social. L’APe aziendale riguarda qui lavoratori che accedono a questo tipo di assegno previdenziale anticipato nell’ambito di una ristrutturazione aziendale. In questo caso il trattamento è a carico dell’azienda, che versa all’INPS una contribuzione correlata alla retribuzione percepita prima della cessazione del rapporto di lavoro, in modo da produrre un aumento della pensione tale da compensare gli oneri relativi alla concessione dell’APe.

I requisiti per l’APe aziendale

I requisiti per l’accesso all’APe aziendale sono uguali a quelli  dell’APe volontaria: aver compiuto 63 anni ed avere almeno 20 anni di contributi versati. A differenza dell’APe volontaria, nell’APe aziendale parte della penalizzazione di assegno sarà a carico dell’azienda. Il dipendente deve quindi accordarsi sull’APe aziendale con il datore di lavoro, il quale dovrà impegnarsi a a sostenere interamente i costi dell’APe al secondo. Avere spostato l’onere dell’APe aziendale sulle imprese ha lo scopo di favorire l’uscita flessibile dal mercato del lavoro, contenendo i costi da sostenere da parte dello Stato.

I datori di lavoro del settore privato possono, con il consenso del lavoratore, incrementare il montante contributivo individuale versando all’Inps, in un’unica soluzione, un contributo non inferiore all’importo della retribuzione percepita dal lavoratore prima del pensionamento  per ciascun anno o frazione di anticipo rispetto alla maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia.

Grazie a questo meccanismo il lavoratore potrà contare su un assegno pensionistico maggiore al momento del raggiungimento dell’età pensionistica e con tempi più brevi per la restituzione dell’anticipo pensionistico. La compensazione dei contributi potrà coprire da sei mesi ad un massimo di tre anni e sette mesi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]