Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.



Banche, Fabi: ipotesi spezzatino non è in piano industriale Carige

«La cosiddetta ipotesi “spezzatino”, con la cessione di singoli asset a soggetti differenti, non è contemplata nel piano industriale corrente, né negli accordi sottoscritti nel 2019, in cui si parla espressamente di una business combination con un unico soggetto bancario. Il coordinamento Fabi Banca Carige esprime sconcerto per alcuni dei contenuti presenti nella recente intervista al Presidente del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e pubblicata da La Repubblica. In occasione dei numerosi incontri che la Fabi ha avuto con i massimi rappresentanti aziendali, l’ipotesi riferita dal dottor Maccarone non è mai stata evocata ma, al contrario, è sempre stata esplicitamente esclusa».

Carige

È quanto scrive il coordinamento Fabi in Carige, in una comunicazione inviata oggi alle lavoratrici e ai lavoratori della banca iscritti alla Federazione autonoma bancari italiani.  «Una simile eventualità̀ che, tra l’altro, non solo metterebbe gravemente in discussione la territorialità̀ della Banca ma, soprattutto, aprirebbe a pesanti incertezze circa la professionalità̀ delle persone, la loro assegnazione e lo svolgimento della loro attività̀ lavorativa verrà̀ osteggiata dalla FABI e combattuta con ogni mezzo, così come del resto è già̀ avvenuto in occasione dei ventilati tentativi di cessione a fondi di private equity. Rileviamo che tutto questo non favorisce il tentativo in atto di recuperare un clima aziendale più sereno: tentativo, questo, che le parti stanno portando avanti attraverso complicati confronti sulle pressioni commerciali e su una serie di argomenti che devono trovare soluzione prima di una eventuale, complessiva ed unica aggregazione avente le caratteristiche che bene sono state espresse dalla Segreteria Nazionale della Fabi e dal Segretario Generale Lando Maria Sileoni» scrive ancora il coordinamento Fabi in Carige.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Da Milano Finanza

Ambiente

2 min

La Ugri- Servizi per l’Ambiente è un’ azienda palermitana che opera, prevalentemente, con i suoi servizi in tutta la Sicilia, ma che sviluppa attività anche oltre lo Stretto. Lavora sia con il pubblico che con il privato. Ascoltare i bisogni della comunità è la mission con la quale la Ugri affronta il lavoro rivolgendosi alle […]

1 min

Un milione e 100 mila euro per adeguare gli impianti elettrici di tre dighe in Sicilia, tutte nell’Ennese. Lo prevede un bando del dipartimento dell’Acqua e dei rifiuti pubblicato sul sito istituzionale della Regione Siciliana. In particolare, nella diga Olivo, in contrada Gritti a Piazza Armerina, verranno eseguiti lavori su distribuzione esterna, cabina elettrica, due gruppi […]

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]