Blutec, la disoccupazione che cresce e la Regione continua a tacere



Quella di ieri è stata una giornata di assemblee e proteste a Termini Imerese: gli operai dell’ex stabilimento Fiat temono di rimanere anche senza Cassa integrazione ma anche gli operai (pochi) assunti da Blutec hanno ora paura. Ma quella di ieri è stata anche la giornata dei dati Istat sull’occupazione o, per meglio dire, sulla disoccupazione.

La Sicilia è tra le regioni che paga più di tutti. Comincia insomma a diventare tangibile l’effetto di un atteggiamento quasi ostile nei confronti dell’industria nella nostra regione. O forse siamo troppo generosi nell’attribuire alla nostra classe dirigente una volontà. Forse non c’è nemmeno quella ma solo l’incapacità ad affrontare i problemi, a sciogliere i nodi, a risolvere il risolvibile. Termini Imerese è la rappresentazione plastica di un certo modo di affrontare le cose che stanno portando la Sicilia a sbattere. Non abbiamo visto in questi giorni alcun comunicato dell’assessore alle Attività produttive sulla questione Termini Imerese e Blutec eppure è da quell’assessorato che dipende molto il futuro di quell’area che si vuole inchiodata all’automotive, alla produzione di auto ma che potrebbe diventare anche altro come è stato scritto nell’Accordo di programma.

Ci si chiede: la Regione poteva fare qualcosa? Qualcuno è rimasto a guardare mentre era necessario intervenire e lavorare? I sindaci propongono di andare a manifestare a Torino mentre è a Palermo che dovrebbero guardare in via degli Emiri dove si trova la sede dell’assessorato alle Attività produttive. Legare il futuro di un’area e di migliaia di famiglie a una sola iniziativa si è rivelata una pessima scelta. Non si può ora far finta di nulla e aspettare che sia il governo nazionale a occuparsi del problema. L’emorragia di posti di lavoro in Sicilia certifica che è necessario intervenire, pensare a un piano, farsi venire un’idea, mettere in moto meccanismi che rendano attrattiva la Sicilia. Restiamo in attesa di risposte. Punto.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]

5 min

Ad un anno dall’atto di costituzione, la Fondazione SOStain Sicilia entra nella fase operativa, con l’invito rivolto alle aziende siciliane verso l’iter di certificazione, sotto la guida del comitato scientifico della Fondazione.Gli obiettivi del programma, condivisi nel corso del webinar “SOStain è …”, moderato dalla giornalista Fernarda Roggero, firma de Il Sole 24 Ore,  sono stati elencati […]

3 min

Voi Technology, azienda svedese di micro-mobilità che offre servizi di sharing in partnership con le pubbliche amministrazioni locali, si fa promotrice del movimento della “Città in 15 minuti” proponendo soluzioni e innovazioni che contribuiranno allo sviluppo sostenibile e al miglioramento della mobilità del capoluogo. Voi Technology, una delle società in gara per il bando indetto […]