Press "Enter" to skip to content

Cefalù, Club Med vince contro la Uiltucs: non c’è stata condotta antisindacale

Osborne Clarke con un team guidato dal partner Marco Lanzani, coadiuvato dall’associate Giulia Leardi ha assistito vittoriosamente Club Med innanzi al Tribunale di Termini Imerese, contro la Uiltcs Sicilia.

Lo scorso 24 maggio i sindacati, e in particolare Uiltucs Sicilia, hanno promosso un’azione ex art. 28 dello Statuto dei Lavoratori contro Club Med, che è stata respinta dal Giudice del Lavoro di Termini Imerese. Uiltucs Sicilia, nello specifico, lamentava gli estremi di una condotta antisindacale della società, che si sarebbe rifiutata di dar corso ad un accordo sottoscritto con il sindacato nel 2005; alla riapertura del villaggio di Cefalù, il 4 giugno scorso (dopo una chiusura durata 13 anni) Club Med non ha riassunto alcuni dei lavoratori – in tutto 43 risorse – che avevano prestato la propria opera presso quel villaggio nel 2005 e che, invece, sostenevano di averne diritto in base al citato accordo. Il Tribunale ha però ritenuto non sussistere alcun comportamento antisindacale posto in essere da Club Med e ha anzi stabilito che l’accordo del 2005 era anche stato disdettato dalla società nel 2010.

Il ricorso, che è un procedimento speciale caratterizzato dall’urgenza, ha spinto Club Med a chiedere ai legali di Osborne Clarke di organizzare e scrivere una difesa in pochissimi giorni, per evitare l’azione del sindacato potesse pregiudicare, in previsione della riapertura del villaggio, gravissimi danni economici a Club Med e alle centinaia di dipendenti neoassunti. Nonostante l’esito del giudizio e l’assenza di obblighi verso gli ex dipendenti, Club Med intende, ad ogni modo, dare seguito agli impegni assunti nelle scorse settimane con la Regione Sicilia, favorendo, per quanto possibile il reinserimento di coloro che risultino in possesso dei requisiti professionali in linea con gli standard qualitativi del resort. Lo scorso 13 aprile, infatti, in occasione di un incontro presso la Regione, la società si era impegnata a esaminare i curricula inviati dalla Uiltucs, ai fini di un possibile reinserimento presso il villaggio di Cefalù o a trasmettere i nominativi dei candidati alle società cui sono state esternalizzate alcune attività alberghiere.

Osborne Clarke è uno studio legale internazionale che guarda con grande attenzione al futuro. Con 25 uffici in diversi paesi, conta più di 725 professionisti e oltre 240 partner che aiutano i clienti ad eccellere in otto settori chiave. Grazie alla stretta collaborazione a livello internazionale, Osborne Clarke è in grado di offrire consulenza con un approccio innovativo e di alto livello basato sulla conoscenza approfondita dei settori. Possiede un’ottima conoscenza delle realtà locali in cui opera e una grande expertise nelle diverse giurisdizioni. I professionisti di Osborne Clarke sanno ascoltare, innovare, risolvere i problemi e trovare nuovi modi per associare le sfide che i clienti devono affrontare ogni giorno e le opportunità che la società globale in continua evoluzione è in grado di creare.

Be First to Comment

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.