Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Confindustria Giovani, Di Stefano: “Alleanza con gli atenei dove maturano i nuovi imprenditori”



Palermo – “Lavorare per la diffusione della cultura di impresa in tutte le sue sfaccettature: far crescere la consapevolezza della diffusione del capitale di rischio, continuare a dare l’attenzione che merita al fenomeno delle start up. Puntare su un sistema economico moderno, trasparente, dinamico, competitivo”. Sono le parole di Riccardo Di Stefano, 30 anni, imprenditore palermitano da qualche giorno vicepresidente nazionale del Gruppo Giovani di Confindustria, nella squadra del nuovo presidente Alessio Rossi.

[sam_pro id=”1_3″ codes=”true”]

Riccardo Di Stefano

Di Stefano usa le parole di chi è cresciuto a pane e azienda ma che ha anche portato quell’esperienza, oltre alla sua formazione accademica, all’interno del mondo accademico: oltre a lavorare nelle aziende di famiglia (Officine Lodato e Meditermica, una trentina di addetti) da tempo si occupa dei rapporti con le imprese per la Lumsa, la Libera Università degli Studi Maria SS. Assunta di Roma che ha anche una sede a Palermo. La presenza di Di Stefano nella squadra di Rossi fa parte di una strategia dei Giovani confindustriali che hanno voluto inserire nella squadra di vertice imprenditori promettenti anche se con poca esperienza associativa: una innovazione nel metodo e nel merito che fa parte anch’essa di una strategia complessiva.

Parliamo di noi, della Sicilia: qual è la proposta, anzi diciamo la priorità?

Non vi è dubbio che tra le priorità più importanti vi sia la diffusione della cultura e della consapevolezza del capitale di rischio. E ciò vale a maggior ragione in Sicilia dove tante eccellenze non riescono a imporsi sul mercato per il sottodimensionamento delle imprese. Io dico: piccolo è bello nel caso di aziende di nicchia, con una piccola produzione fatta per mercati precisi. Mentre in tutto gli altri casi piccolo è solo poco competitivo, è un limite in un mercato fortemente aperto.

Voi giovani avete lavorato molto fin qui sul fronte delle start up.

Sì e lo faremo ancora: sono una priorità anche perché, come ha sottolineato lo stesso Rossi, non hanno prodotto solo hanno prodotto maggior fatturato e posti di lavoro ma hanno contribuito in misura più importante alla diffusione della cultura di impresa.  Faccio un esempio: fino a qualche tempo fa chi studiava giurisprudenza non avrebbe mai pensato di fare l’imprenditore mentre oggi questa opzione diventa possibile, una scelta tra le altre.  Non è un caso che noi individuiamo proprio nel rapporto con gli atenei grandi occasioni di sviluppo sia per la crescita della cultura di impresa sia, ovviamente, in riferimento al mondo del lavoro.

Di solito si dice che il sistema imprenditoriale siciliano, nel suo complesso, ha bisogno di essere svecchiato…

Io dico che da noi non si parla abbastanza di restart. E poi: la Sicilia ha un patrimonio che non considera a sufficienza fatto di prodotti tipici e produzioni legate al territorio. Ci sono risorse inesauribili ma i giovani preferiscono trasferirsi e andare altrove. Oppure puntano su mercati innovativi trascurando i settori tradizionali. Non vi è dubbio che Industria 4.0 e Open Innovation sono trainanti per lo sviluppo, ma vi sono settori importanti (si prenda l’enogastronomia) su cui è possibile investire.

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]