Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Contabilità ordinaria: esiste un programma per gestirla?



Internet è ricco di soluzioni e possibilità, basti pensare alle numerose novità che ogni giorno ci propone. Il settore professionale non è certo estraneo a questa tendenza, ma anzi utilizza numerosi prodotti realizzati proprio dalla tecnologia.

Per contabilità ordinaria si intende il regime obbligatorio per società di capitali e imprese che superano determinati limiti di fatturato annuo. Precisamente si tratta di 400mila euro nel caso in cui l’attività prevalente riguardi prestazioni di servizi e di 700 mila euro per attività aventi ad oggetto cessioni di beni e altri servizi.

Queste imprese sono soggette a tenere scritture contabili, cosa che invece non deve essere fatta dalle imprese minori.  

Per questa loro caratteristica necessitano di un programma per la contabilità ordinaria pensato appositamente per la sua gestione. Programmi che è necessario scegliere con attenzione e in base a quelle che sono le necessità e le esigenze dell’azienda. Tra questi è possibile optare per quelli gratuiti così come di quelli a pagamento. La differenza sta nel capire a cosa servono, a chi sono rivolti e qual è la tipologia di attività per cui si utilizzano.

 

Quale programma

Un programma per la contabilità ordinaria che sia efficace deve rendere possibili alcuni servizi. Quelli più importanti sono il controllo sulle fatture emesse e ricevute, l’accesso semplificato agli indicatori sull’andamento aziendale, l’acquisizione automatica delle fatture, la registrazione contabile rapida e sicura, l’integrazione con il contabile gestionale e, infine, la fidelizzazione del cliente, attraverso la condivisione di dati e informazione tra professionisti e clienti.

Un programma così strutturato permette di poter gestire la contabilità in modo semplice e rapido senza commettere errori che, quando si parla di fatture, possono comportare sanzioni davvero molto salate.

La scelta tra i diversi software dipende principalmente dalla dimensione del soggetto che li utilizzerà. Per la precisione i soggetti che ne fanno utilizzo sono: i liberi professionisti, le aziende di piccole dimensioni, le aziende di medio/grandi dimensioni, gli studi di dottori commercialisti e ragionieri.

Detto questo, ogni soggetto ha una propria tipologia di programma per la contabilità ordinaria. Possono essere scelte soluzioni gratuite come quelle a pagamento, la differenza sta nella diversità di servizi offerti e dalla loro tipologia.

 

Fatturazione elettronica

Quando si parla di professionisti è necessario anche fare un breve ripasso riguardo quello che è il nuovo scenario.

Dal primo gennaio 2019 la Legge di Bilancio ha definito obbligatoria l’emissione di fatture in formato elettronico e la loro conservazione in formato digitale per dieci anni. Queste devono essere emesse da imprese e titolari di partita iva nei confronti di privati come della Pubblica Amministrazione, quindi ci troviamo di fronte a quelle che vengono chiamate fattura B2B e fatture B2C.

Ci sono però anche dei soggetti esclusi da questo obbligo di legge. Di chi si tratta? Degli operatori che rientrano nel regime di vantaggio e in quello forfettario, i medici e i farmacisti, i piccoli produttori agricoli, le società sportive dilettantistiche, i soggetti non residenti in Italia che effettuano o ricevono operazioni.

L’obiettivo di questa nuova legge è quello di combattere l’evasione fiscale.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

C’è ancora tanto da fare in Sicilia in tema di gestione e depurazione delle acque refluee urbane con una gestione contrassegnata dal caos frutto “di una infelice combinazione di incapacità politica e disorganizzazione tecnica”. E’ quello che scrive la commissione nazionale ecomafie nel rapporto finale sulla situazione in Sicilia. La commissione, guidata dal presidente Stefano […]

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]