lunedì, Novembre 30
Shadow

Convegno a Palermo sul tartufo siciliano

Apprezzato da qualche tempo dagli chef e dalla ristorazione, dopo l’iniziale scetticismo, il tartufo siciliano è in cerca di identità e di regole. Già perché la Sicilia, pur essendo riconosciuta tra le 14 regioni tartufigene italiane, a differenza di molte altre che rientrano in questo gruppo, non è ancora dotata di una legge che tuteli l’ambiente, chi legalmente trae beneficio economico dalla raccolta di questi funghi spontanei che crescono sotto terra e chi vorrebbe realizzare impianti boschivi con piante “micorrizzate”, cioè potenzialmente capaci di fare sviluppare nel terreno i preziosi tartufi.

Delle difficoltà di oggi, del vuoto legislativo ma anche delle interessanti potenzialità che i funghi sotterranei possono offrire, si parlerà nel corso del convegno “IL TARTUFO IN SICILIA – Attualità e prospettive” che si svolgerà il prossimo 8 giugno alle ore 10 presso l’Aula Magna del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali (ex Facoltà di Agraria, viale delle Scienze).

Il convegno prevede i contributi di Giuseppe Venturella, ordinario di botanica forestale e micologia all’Università di Palermo, Antonino Iacono, presidente del Centro ricerca tartufo e tartuficoltura Sicilia, Mario Tamburello, presidente del Gruppo Micologico Siciliano, Giovanni Landini, Acli Terra, Mario Prestifilippo, micologo ed esperto cavatore di tartufi. Non mancheranno i politici che, una volta sensibilizzati e resi edotti della materia, dovranno farsi carico delle iniziative legislative. Prevista la presenza di due assessori, Edgardo Bandiera (Agricoltura) e Salvatore Cordaro (Ambiente) e di tre parlamentari regionali: Michele Mancuso (componente della Commissione Regolamento e della Commissione Cultura, Formazione e lavoro, nonché segretario della Commissione Bilancio), Michele Catanzaro (vicepresidente della Commissione Attività produttive) e Giorgio Assenza (componente Commissione Affari Istituzionali e presidente del Collegio dei Deputati Questori).

L’iniziativa prosegue nel pomeriggio (ore 18) a Sanlorenzo Mercato (via San Lorenzo 288) dove il cavatore Mario Prestifilippo proporrà la dimostrazione della ricerca dei tartufi ad opera del suo cane addestrato e dove, dopo un breve talk, si potrà assistere ad uno show cooking in cui verrà usato il tartufo nella preparazione di una pietanza.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.