Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Credito d’imposta per acquisto beni strumentali



Rinnovato il credito d’imposta per acquisto di beni strumentali. Sulla scia degli anni precedenti, anche nel 2021 e 2022 con possibilità di estenderlo all’anno d’imposta 2023, la Legge di Bilancio 2021 (L.78/2020) con i Commi dal 1051 al 1063 dell’Art. 1, interviene rifinanziando alle imprese il credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali nuovi.

Per sommi capi ed in sintesi, possiamo distinguere la misura agevolativa dei commi citati, in due tipologie:   

A)     Un Credito d’Imposta per Investimenti in beni o servizi non rientranti nella cosidetta industria 4.0”. A questa tipologia di imprese, ma anche agli esercenti arti e professioni, viene riconosciuto un credito di imposta per investimenti in beni materiali ed immateriali strumentali nuovi che non sono ascrivibili alla categoria c.d. “4.0” in misura pari:

–          al 10% del costo sostenuto, per investimenti effettuati dal 16 novembre 2020 al 31 dicembre 2021, con aumento al 15% per gli investimenti nel lavoro agile, entro un limite complessivo di costi ammissibili pari ad Euro 2 milioni in totale, per i beni materiali e ad Euro 1 milione in totale per  i beni immateriali.

–          al 6% del costo sostenuto, per gli investimenti effettuati nel 2022, entro un limite complessivo di costi ammissibili pari ad Euro 2 milioni in totale, per i beni materiali e ad Euro 1 milione in totale per i beni immateriali.

B)     Un Credito d’Imposta per Beni Materiali considerati “4.0” compresi e definiti nell’allegato a della Legge .232/2016.  Per questa categoria di beni , alle imprese viene  riconosciuto un credito di imposta per investimenti – effettuati nel periodo 16 novembre 2020 al 31 dicembre 2021 – in beni materiali ascrivibili alla categoria c.d. “4.0” in misura pari:

–  al 50% del costo sostenuto, per investimenti fino a 2,5 milioni di Euro;

–  al 30% del costo sostenuto, per investimenti di valore compreso tra 2,5 milioni di Euro e 10 milioni di Euro;

–  al 10% del costo sostenuto, per investimenti tra 10 milioni di Euro e 20 milioni di Euro.

 Mentre per gli investimenti – effettuati nel 2022 – in beni materiali individuabili e ascrivibili alla categoria c.d. “4.0” viene riconosciuta una agevolazione in misura pari:

–          al 40% del costo sostenuto, per investimenti fino a 2,5 milioni di Euro;

–          al 20% del costo sostenuto, per investimenti di valore compreso tra 2,5 milioni di Euro e 10 milioni di Euro;

–          al 10% del costo sostenuto, per investimenti tra 10 milioni di Euro e 20 milioni di Euro.

C)    Un Credito d’Imposta per Beni Immateriali “4.0” compresi e individuati nell’Allegato B) alla Legge n. 232/2016. Sole alle imprese – quindi non ai liberi professionisti –  viene riconosciuto un credito di imposta per investimenti – effettuati nel periodo 16 novembre 2020  fino al 31 dicembre 2022 – in beni immateriali in misura pari:

–          al 20% del costo sostenuto, per investimenti fino a 1 milione di Euro.

Tutti e tre questa tipologia di agevolazioni deve sottostare a particolari fra cui quello di utilizzare il credito in compensazione esclusivamente con F24.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]