Shadow

Crocetta: “Sicilia regione che cresce di più alla faccia dei gufi”

Il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, ringrazia il presidente del Consiglio, Matteo Renzi e i sottosegretari Lotti e De Vincenti per l’approvazione della delibera Cipe, che sblocca i fondi per il Patto per il Sud. “In particolare per la Sicilia – dice Crocetta – sono previsti circa tre milioni e trecentomila euro, di cui 950 milioni circa per le città metropolitane di Palermo, Messina e Catania e la restante parte per la restante parte del territorio siciliano. L’approvazione della delibera Cipe,
renderà immediatamente esecutivo l’utilizzo dei fondi, subito dopo la firma del Patto prevista entro fine agosto, tra il presidente del Consiglio, Matteo Renzi e il presidente della Regione siciliana, Crocetta.
Da settembre – aggiunge il governatore – sarà possibile avviare la procedura per oltre mille cantieri che coinvolgeranno tutti i comuni siciliani, nell’ambito di infrastrutture, dissesto, viabilità urbana, delle strade provinciali, con investimenti che contribuiranno ulteriormente ad accrescere il Pil già positivo per l’anno in corso, +1,5% sbloccando il lavoro per le piccole e medie imprese siciliane industriali, artigianali e commerciali, consentendo di incrementare l’occupazione per decine di migliaia di lavoratori. Sul piano delle misure per l’inclusione sociale e l’occupazione, il presidente dopo aver avuto diversi incontri con il sottosegretario Lotti comunica che già alla fine di settembre “potrebbero essere sbloccati oltre 350 milioni di euro per i cantieri di lavoro, i cantieri di servizio, il servizio civile regionale che potrebbero collocare tre il 2016 e il 2017 circa centomila persone. Sono dati significativi, per una Regione che oggi è quella che cresce di più in Italia e che spazza via le previsioni dei gufi della politica, che danno questa regione come spacciata. La Sicilia sta crescendo – conclude Crocetta – ed occorre che tutti ne prendano atto”.

Leggi anche  Reddito minimo di inserimento, sbloccati i mandati di pagamento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.