Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Discarica di Motta Sant’Anastasia, il caso approda a Bruxelles



Il Parlamento europeo incalzerà le autorità regionali siciliane per chiedere spiegazioni riguardo alla situazione della discarica di Tiritì a due passi dal centro abitato di Misterbianco ma ricadente nel territorio di Motta Sant’Anastasia, nel Catanese per capire quando la discarica potrà essere messa in sicurezza e quali siano nel frattempo rischi per la salute umana.

E’ quanto scaturito poche ore fa a Bruxelles in occasione della trattazione in commissione Petizioni al Parlamento Europeo della petizione presentata dal comitato “No Discarica” di Misterbianco, comitato che punta il dito anche sul piano regionale di gestione dei rifiuti della Regione Siciliana. “La situazione descritta è di degrado e pericolo per la salute delle persone”, ha denunciato Eleonora Evi (M5S). Un dato che rilancia l’eurodeputato siciliano Ignazio Corrao che più volte è stato in sopralluogo insieme alla collega Ars Angela Foti proprio a Motta Sant’Anastasia. “L’aria in quella zona spesso è irrespirabile per via dei miasmi e del continuo andirivieni di mezzi pesanti – ha dichiarato Corrao.

Una discarica a due passi da un centro abitato, in cui per anni è stato seppellito il rifiuto tal quale, è qualcosa di inaccettabile e compromette la qualità della vita. Anche dalle numerose inchieste degli organi preposti, è sin troppo evidente che gli interessi privati hanno condizionato il procedimento autorizzativo ed ovviamente sul minimo senso del rispetto delle regole. L’Europa – continua Corrao – attraverso questa petizione ha la possibilità di essere vicina ai cittadini e di tutelare il loro diritto alla salubrità dell’ambiente”. Ad oggi l’Italia ha quattro procedure d’infrazione aperte relative ai rifiuti. Due di queste sono già finite davanti alla Corte di giustizia Ue e finora sono costate all’Italia quasi 230 milioni di euro di multa per il mancato raggiungimento di obiettivi.

Contestualmente sui tavoli del Governo Regionale giacciono interrogazioni e interpellanze sempre a firma M5S in cui si chiede di procedere alla chiusura della discarica di Valanghe d’Inverno e alla bonifica di quella di Tiritì. Il Governo Crocetta in questi cinque anni non ha saputo pianificare le azioni concrete per la riduzione e il riciclo dei rifiuti – dichiara la portavoce M5S all’Ars Angela Foti – puntando invece sull’ampliamento delle poche mega discariche private siciliane e mortificando i territori che vedono compromessa ogni possibilità di avvio di una economia circolare. Bisogna rivedere anche il metodo con cui viene calcolato il costo di conferimento in discarica – conclude Foti – che ad oggi viene determinato dall’imprenditore con dei criteri fuori norma”.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

2 min

In arrivo l’ultima tranche dei 6,5 milioni di euro destinati ai Comuni per dotarsi dei piani energetici. È una delle iniziative rese note nell’ambito della quarta edizione dei “Green Salina energy days”, che si concluderà oggi. L’assessore regionale all’Energia, Daniela Baglieri, e il direttore generale del dipartimento Energia, Antonio Martini, hanno incontrato i sindaci dei […]

1 min

“La Tari, in base al nuovo piano economico finanziario, aumenterà per gli anni 2021-2023. Si dovranno pagare 21 milioni di euro che saranno equamente distribuiti nei tre anni. Per le famiglie è previsto un aumento di 30 euro”. Lo ha detto Girolamo Caruso, presidente della Rap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti nel capoluogo […]

2 min

Completata la Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia e il relativo Programma di valutazione che, attraverso 53 stazioni di rilevamento su tutto il territorio regionale, fornirà un’informazione completa sui livelli di inquinamento. Un intervento voluto dal governo Musumeci e realizzato attraverso Arpa Sicilia, che consente di superare definitivamente la procedura di infrazione europea e porre fine alla gestione […]

2 min

Si è svolta oggi – via webinar – la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione di “Vai col Vento!”, il progetto formativo promosso da Erg con la collaborazione di Ancitel Energia Ambiente, sui temi legati alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sostenibilità che ha coinvolto 201 classi di 59 scuole secondarie di primo grado […]

3 min

Alla Sicilia mancano 35 impianti per i rifiuti. A renderlo noto è CONAI, che nel suo studio Per uno sviluppo della raccolta differenziata nel Centro-Sud stima – per la prima volta in Italia – il fabbisogno impiantistico delle Regioni del Mezzogiorno in vista degli obiettivi di riciclo chiesti dall’Unione Europea al 2030. L’investimento necessario in […]