Sicilia Economia - News di economia, turismo e agricoltura in Sicilia.

Eni, ripartono gli investimenti a Gela: ok a progetto su giacimenti gas



Dopo 7 anni si blocca a Gela l’iter per la realizzazione da parte di Eni del progetto Argo-Cassiopea che prevede lo sviluppo di giacimenti di gas naturale al largo delle coste siciliane e il trattamento nella raffineria di Gela. Un investimento di circa un miliardo di euro che Eni aveva annunciato il 6 novembre 2014 quando al ministero dello Sviluppo economico venne siglato il protocollo di intesa che prevedeva la riconversione della raffineria tradizionale di Gela in Green Refinery. Eni ha anche messo a disposizione della città fondi per 32 milioni per compensazioni.

Eni

L’annuncio è stato dato nei giorni scorsi dal sindaco di Gela Lucio greco, dall’assessore alle Attività produttive Terenziano di Stefano e dal dirigente Emanuele Tuccio che ha seguito tutto il complesso procedimento tecnico fino ad arrivare ai pareri positivi e alla firma.  “Quella che stiamo avviando – ha detto il sindaco – è una rivoluzione economica, industriale e occupazionale che non ha precedenti. Il progetto Argo-Cassiopea rappresenta la parte più consistente di un protocollo d’intesa siglato nel 2014 e la notizia del parere favorevole segue altri due importanti annunci: quella di gela decretato uno dei due poli energetici a livello nazionale e  quello  dell’inserimento del Porto Rifugio e del porto isola all’interno dell’Autorità di sistema portuale del mare della Sicilia Occidentale. Stiamo facendo ripartire l’occupazione e l’economia non solo a Gela ma in tutto l’hinterland”.

I giacimenti di gas metano Argo e Cassiopea sono localizzati nelò Canale di Sicilia a circa 30 chilometri dalla costa e sono distanti tra loro circa 7 chilometri. Il progetto prevede la messa in produzione dei giacimenti attraverso la realizzazione di tutte le opere collegate all’estrazione, trattamento e trasporto del gas prodotto dai pozzi.  Ora i pareri per avviare i lavori ci sono tutti: sia da Roma che da Palermo, inclusi quelli di Lipu e Riserva del Biviere per la parte di impatto ambientale.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

1 min

Il governo Musumeci, su proposta dell’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, nell’ultima seduta di giunta ha approvato il Paf (Prioritized Action Framework), il Piano delle azioni prioritarie per la Rete Natura 2000 siciliana. Questo importante traguardo permetterà alla Regione Siciliana di garantire ogni investimento utile alla tutela e alla valorizzazione del capitale naturale regionale. L’approvazione […]

2 min

Si è insediato ieri il tavolo tecnico presieduto dall’assessore regionale per il Territorio e l’ambiente, Toto Cordaro, per definire la strategia regionale per lo sviluppo sostenibile “La Sicilia Sostenibile”, in linea con gli obiettivi di Agenda 2030. Al tavolo hanno partecipato i rappresentanti dei dipartimenti in capo agli assessorati della Regione Siciliana ed esperti esterni […]

4 min

L’aria siciliana migliora in termini di qualità e il mare è complessivamente in buona salute. È quanto emerge dai dati contenuti nell’Annuario dei dati ambientali 2021, elaborato dall’Arpa, Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «L’annuario – spiega l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – raccoglie e rielabora in 175 pagine i dati ambientali siciliani di norma riferiti […]

2 min

Nel corso del 2020, attraverso i suo impianti, Siciliacque è riuscita a produrre circa 5.500.000 Kwh di energia elettrica da fonti rinnovabili (in particolare idroelettrico e solare), riducendo così l’impatto sull’ambiente e minimizzando i consumi nella gestione del ciclo dell’acqua. È questo uno dei principali dati contenuti nel bilancio di sostenibilità di Siciliacque, approvato ieri […]